Dopo una mattinata poco mossa i principali indici europei erano scesi sotto la linea della parità. Wall Street partiva infatti inaspettatamente in territorio negativo, tuttavia, dopo soli dieci minuti dall’apertura sui listini americani tornavano gli acquisti che contagiavano anche le Borse europee.

Alla fine Parigi (+0,6%) è risultata la migliore, Londra (+0,2%) ha fatto un altro passo avanti, mentre Francoforte (+0,0%) ha dovuto accontentarsi solo di un frazionale rialzo.

Il nostro Ftse Mib (+0,30%) torna quindi a salire al termine di una seduta tutto sommato abbastanza tranquilla.

Da segnalare il nuovo record storico di Diasorin (+1,55%), best performer di giornata ed uno dei migliori anche nella classifica dell’anno in corso (+50,0%).

Posto d’onore per Azimut (+1,47%) che consolida ulteriormente la leadership nella graduatoria del 2019 (+82,7%). Terzo gradino del podio per un altro titolo che sta dando soddisfazioni ai propri azionisti: Banca Generali (+1,10%) che in intraday aveva anche abbondantemente superato quota 24 euro.

Qualcuno poi potrebbe stupirsi per le performances di Atlantia (+1,07%) che da inizio anno sta guadagnando il 36,4% avendo praticamente recuperato tutte le perdite susseguenti al crollo del ponte Morandi.

Guadagna un punto percentuale un altro titolo che nell’anno in corso sta riservando grandi soddisfazioni ai propri azionisti, mi riferisco a Moncler (+1,00%).

Decisamente contrastato il comparto bancario con Bper Banca (+0,76%) e Banco BPM (+0,48%) che mettono a segno buoni rialzi, mentre Mediobanca (-0,02%), Unicredit (-0,26%), Intesa Sanpaolo (-0,35%) e soprattutto Ubi Banca (-0,87%) vedono prevalere le vendite.