3 dividendi ad alto rendimento

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Cisco IBM Seagate Technology

Solitamente il settore tecnologico, particolarmente famoso per la sua dose di rischio spesso alta, non è tra quelli comunemente visti come serbatoi di dividendi. Eppure esistono alcune eccezioni.

International Business Machines (NYSE: IBM)

Anders Bylund consiglia IBM soprattutto grazie a quel 4,2% di rendimento che non si registrava dall'autunno del 1993, fatta eccezione per una breve parentesi di un 4,4% a febbraio 2016. Anche in questo caso si parla di un gigante in fase di traformazione: il management spera di innescare forti margini di profitto insieme a trend di crescita sui target fissati. Ciò però significa sacrificare molte vendite di punta legate al business dell'hardware di IBM per riuscire a focalizzare l'attenzione a lungo termine su aspetti come la sicurezza dei dati, il cloud computing, l'analisi delle informazioni su larga scala e l'intelligenza artificiale. Dopo aver dato vita a questo cambio di rotta,cambio che ormai risale a 5 anni fa, il calo delle vendite sembra aver toccato il fondo nell'ultimo semestre.Ciò che invece piace senza remore è la politica dei dividendi perennemente in crescita tanto da portare la società a indebitarsi in caso di difficoltà nel pagare buyback e cedole: nell'ultimo decennio i pagamenti sono triplicati arrivando a +2.400% negli ultimi 25 anni.

apk