3 dividendi che offrono stabilità e consistenza

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Verizon Phillip Morris International

Investire in borsa è, per antonomasia, una delle attività più incerte che ci siano. Eppure, paradossalmente, per farla occorre partire da una base certa: la presenza di soldi. Per questo un dividendo fa sempre comodo.

CERCHI TITOLI? QUI TROVERAI I MIGLIORI TITOLI PER IL TRADING MULTIDAY

Investire in borsa è, per antonomasia, una delle attività più incerte che ci siano. Eppure, paradossalmente, per farla occorre partire da una base certa: la presenza di soldi. Per questo motivo, a meno che non si disponga di un lavoro ben pagato e che assicuri introiti garantiti e ampi ogni mese, un piccolo aiuto può arrivare dai dividendi delle azioni, o almeno da quelli che, per struttura, sono comparabili ad una (quasi) certezza.


Philip Morris International (PM)

Philip Morris vanta una capitalizzazione di quasi 150 miliardi di dollari, rendimenti da dividendi al 4,2%e un aumento della cedola per 46 anni consecutivi. Un biglietto da visita molto interessante se a questo si aggiunge, come ricorda Ben Reynolds anche il fatto che PM copre il 28,7% della quota del mercato mondiale (Cina e Usa esclusi). In realtà la reputazione delle società che vendono fumo è in declino per ovvi motivi ma in questa situazione PM registra un aumento della sua quota di mercato, quindi un andamento in controtendenza. Dopo un 2015 che ha decretato una crescita degli utili del 12% le aspettative per il 2106 restano sullo stesso piano il che rende il business di PM un affare interessante per chi guarda al dividendo. Intanto gli investitori possono sfruttare i benefici di un buyback adottato dall'azienda sulla scia della possibilità di indebitarsi a costo zero.

apk