Al solito la disinformazione mainstream non si smentisce, a regnare è la malafede.

Allora proviamo a cercare anche sul web, non solo nelle tv e sui giornali, anche sul web, come sono andate le elezioni regionali in Emilia Romagna, mettiamo nel motore di ricerca “risultati definitivi”, ovviamente troviamo un numero elevato di siti, ma cosa riportano tutti, dico tutti!!!

Riportano due notizie, la prima è che Bonaccini ha vinto ottenendo il 51,38% delle preferenze, mentre la Borgonzoni ha ottenuto il 43,71% ed allora tutti sottolineano quindi che Bonaccini ha vinto con quasi otto punti di scarto, la seconda è che il PD è tornato ad essere il primo partito in regione con il 34,60% superando la Lega che si ferma al 31,95%.

Allora la prima è una notizia vera solo a metà, ma va spiegata, va assolutamente spiegata!!!

La seconda non è neppure una notizia vera. Ok cerco di chiarire queste affermazioni.

Va spiegato che in Emilia Romagna vige una legge elettorale che come minimo è totalmente assurda, mi riferisco al voto disgiunto. Cioè un elettore può votare il candidato a Presidente di Regione, ma contemporaneamente votare per un partito che sta all’opposizione di quel Candidato.

Ma a vostro parere può avere un senso questa cosa o, come sostengo io … è pura follia?

Capite la follia? Io voto per un certo Presidente, ma contemporaneamente voto perché sia maggiormente rappresentato nel consiglio regionale un partito che sarà certamente all’opposizione di quel Presidente che ho votato?!?.

Assurdo!!!