Sul fronte valutario prosegue la discesa dell'euro nei confronti del dollaro, con una flessione al di sotto di quota 1,16 che la moneta unica aveva provato a difendere da venerdì scorso, ma senza successo.
Proprio nell'ultima seduta della scorsa settimana i deludenti dati sul lavoro Usa, con i non farm pay-rolls cresciuti meno del previsto ad ottobre, avevano ridato ossigeno all'euro, con un recupero però di breve durata.

Il recupero del dollaro contro euro non sorprende BlackRock

Il dollaro ha infatti subito ripreso la via dei guadagni e il cambio eur/usd ha così violato al ribasso la soglia degli 1,16, presentandosi negli ultimi minuti in area 1,157.
Un recupero che non sorprende gli analisti di BlackRock che già ieri avevano dichiarato di attendersi un rimbalzo del biglietto. Gli esperti accordano la loro preferenza alla valuta statunitense perchè si aspettano che la Federal Reserve continui ad aumentare i tassi di interesse, mentre tanto la BCE quanto la BoJ manterranno accomodanti le loro politiche monetarie.

Le previsioni di SG e di BoA sull'euro-dollaro

A scommettere su un ulteriore rafforzamento del biglietto verde nel breve è anche Societè Generale, secondo cui il cross euro/dollaro potrebbe scendere ancora e raggiungere quota 1,15 nel corso di questa settimana.
Secondo gli analisti sull'andamento del dollaro pesa l'incertezza relativa alla riforma fiscale proposta dall'amministrazione Usa, ma la loro idea è che la divisa americana dovrebbe avere abbastanza slancio.

A conferma di questa tesi Societè Generale indica il segnale negativo lanciato venerdì scorso quando il cambio ha terminato le contrattazioni sotto quota 1,1611, ma gli analisti pensano al contempo che l'euro tornerà a recuperare terreno nel corso del 2018, andando a rivedere la soglia degli 1,2 da cui è iniziata la discesa a partire dalla prima parte di settembre.