A partire da oggi, lunedì 1 luglio del 2019, scattano le novità legate alla fattura elettronica, ed in particolare quelle legate alla data di emissione, così come sempre a partire da oggi, per quei commercianti il cui volume d'affari supera la soglia dei 400mila euro, scatta l'obbligo dell'uso del nuovo scontrino elettronico.

Emissione fattura elettronica dalla data dell'operazione, 12 i giorni di tempo

Nel dettaglio, grazie al Decreto Crescita sale da 10 a 12 giorni, a partire da oggi, il tempo a disposizione per emettere via Sistema di Interscambio (Sdi) le fatture elettroniche rispetto alla data dell'operazione.

Calcolo e pagamento imposta di bollo sulle e-fatture

Per le e-fatture spiccate tramite Sdi scatta poi, con cadenza trimestrale, il pagamento dell'imposta di bollo. Al riguardo il Fisco ha spiegato ed ha precisato che al calcolo dell'imposta di bollo concorrono le fatture inviate tramite il Sistema di Interscambio e correttamente elaborate, e quindi non quelle scartate. 

Sull'imposta da pagare, inoltre, l'ammontare si trova nell'apposita sezione del portale Fatture e corrispettivi dell'Agenzia delle Entrate, mentre per quel che riguarda il pagamento questo è possibile non solo a mezzo modello di pagamento unificato F24, ma pure con l'addebito su conto corrente bancario o postale.