La settimana si è chiusa in bellezza per Fca che, dopo aver ceduto poco più del 2% ieri, difendendosi meglio del Ftse Mib, anche oggi ha mostrato più forza del mercato, sfoggiando un poderoso rally.

Fca brilla e si piazza tra i best performer del Ftse Mib

Il titolo, che ha conquistato la terza posizione nel paniere delle blue chips, oggi ha terminato le contrattazioni a 14,61 euro, con un rally del 4,73%.

Lo shopping è stato sostenuto da elevati volumi di scambio visto che a fine sessione sono transitate sul mercato oltre 15 milioni di azioni, ben al di sopra della media degli ultimi 30 giorni pari a poco più di 9 milioni di pezzi.

Fca spinto dal settore dopo i buoni conti di Daimler

Diversi i fattori che hanno contribuito a scatenare la corsa all'acquisto su Fca, a partire dalla positiva intonazione del mercato di cui il titolo ha approfittato meglio di molti altri.

Fca ha inoltre beneficiato dell'ottimo andamento del settore auto a livello europeo, spinto in alto dalla buona trimestrale di Daimler che ha chiuso gli scambi in rally di circa il 5,5% oggi.

Il gruppo tedesco ha diffuso i dati preliminari relativi al terzo trimestre, con un Ebit pari a 3,07 miliardi di euro, superiore alle stime fissate a 2,49 miliardi.

In attesa dei dati completi in arrivo venerdì prossimo, Daimler ha fatto sapere di guardare con ottimismo al futuro, prevedendo una performance solida in questa parte finale dell'anno.

La società ha chiarito in ogni caso che questa previsione è basata sull'ipotesi che non ci siano ulteriori lockdown per contrastare la diffusione del coronavirus, visto che ciò avrebbe ripercussioni negative sui conti del gruppo e dell'intero settore.

Fca: ripartono le vendite in Europa a settembre. Gruppo batte mercato

A dare una marcia in più ad Fca sono stati anche i dati relativi alle vendite di auto in Europa a settembre, quando si è avuta la prima crescita mensile di quest'anno.

Sulla base dei dati forniti da Acea si è appreso che il mese scorso le immatricolazioni in Europa sono salite del 3,1%.
Fca è riuscito a fare decisamente meglio, con vendite in aumento dell'11,8% rispetto allo stesso mese del 2019, a fronte di una quota di mercato cresciuta dal 5,4% al 6%.

Da inizio anno però il saldo resta decisamente negativo, visto che le immatricolazioni del gruppo mostrano una flessione del 33,9%, con una market share in riduzione dal 6,1% al 5,7%.

Fca è riuscito così a cavalcare queste indicazioni, guadagnando posizioni anche grazie all'attesa positiva per i conti del terzo trimestre.

Fca: per gli analisti è un buon affare. Ecco fin dove può salire

In vista di tale appuntamento da diversi analisti arrivano conferme bullish per il titolo, tanto che Equita SIM consiglia di acquistare con un prezzo obiettivo a 15,1 euro, dopo aver inserito Fca, al posto di Exor, nel suo portafoglio raccomandazione a Piazza Affari.

A puntare sul titolo è anche Jefferies che nei giorni scorsi ha reiterato il rating "buy" e ha incrementato il target price da 10,5 a 12 euro.

Il broker ha rivisto al rialzo le stime sull'eps, migliorandole da 0,47 a 0,66 euro per quest'anno e da 1,76 e a 1,97 euro per il prossimo.