L'ultima seduta della settimana viene vissuta ad alta tensione da Fincantieri che scivola in fondo al paniere del Ftse Mib Cap in conseguenza di un pesante sell-off.

Fincantieri colpito da un nuovo sell-off. Boom di volumi

Il titolo non più tardi di ieri aveva rimbalzato di quasi un punto percentuale dopo l'affondo di mercoledì, quando aveva ceduto oltre il 5% in seguito alle indagini della Guardia di Finanza sullo sfruttamento della manodopera.

Le vendite oggi sono tornate a dominare la scena, con il titolo che da subito si è posizionato al di sotto della parità, ampliando progressivamente il ribasso.

Negli ultimi minuti Fincantieri viene fotografato a 0,889 euro, con un affondo del 5,43% alimentato peraltro da volumi di scambio esplosivi, visto che fino ad ora sono transitate sul mercato oltre 27,5 milioni di azioni, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 4,7 milioni di pezzi.

Fincantieri: i conti del 3° trimestre e dei primi 9 mesi del 2019

Fincantieri viene affondato dalle vendite all'indomani della diffusione dei risultati dei primi nove mesi dell'anno, archiviati con ricavi in salita del 9,7% a 4,254 miliardi di euro.

L'Ebitda è aumentato da 281 a 287 milioni di euro, mentre l'Ebitda margin è calato dal 7,3% al 6,7% e gli ordini acquisiti sono pari a 6,8 miliardi di euro.

L'indebitamento finanziario netto è cresciuto a 904 milioni di euro rispetto ai 494 milioni di fine 2018, in linea con le aspettative e coerente con la crescita delle dimensioni e del valore delle unità cruise in costruzione.