Un avvio di settimana decisamente esplosivo per Fincantieri che oggi ha aperto le contrattazioni in ritardo, non riuscendo a fare inizialmente prezzo per via di un rialzo teorico che ha sfiorato quasi il 30%.

Fincantieri ammesso in ritardo agli scambi: rally a due cifre

Il titolo è partito poi a tutto gas una volta ammesso alle contrattazioni e ora viene fotografato a 0,807 euro, con un rally del 14,31%.

Da capogiro i volumi di scambio visto che a meno di due ore dall'avvio della seduta sono transitate sul mercato oltre 13 milioni di azioni, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a poco meno d 5 milioni di pezzi.

Fincantieri ripartite così alla grande dopo il calo di giovedì scorso quando aveva lasciato sul parterre quasi il 4,5%, complice le prese di profitto dopo ben sei sedute consecutive in salita.

Fincantieri: maxi commessa Usa su nuove fregate lanciamissili

Gli acquisti si riattivano con decisione oggi sulla scia delle notizie che arrivano dagli Stati Uniti, dove in anticipo rispetto alle attese, la US Navy ha annunciato di aver assegnato a Marinette Marine, controllata americana di Fincantieri, il programma FFG(X) relativo alle nuove fregate lanciamissili.

In particolare, il contratto sottoscritto prevede la progettazione di dettaglio e la costruzione dell`unità capoclasse per un valore di 795 milioni di dollari, a cui si aggiunge un'opzione per ulteriori 9 navi per un valore potenziale complessivo di 5,5 miliardi di dollari.

La consegna della prima nave è prevista per il 2026, mentre la seconda nave è attesa essere ordinata ad aprile 2021.
Inoltre, è prevista un'ulteriore gara per l`assegnazione di un contratto per altre 10 navi dello stesso programma.

Con questo successo, Fincantieri raccoglie i frutti di un lungo lavoro. Oltre ad aver sviluppato il programma Littoral Combat Ships, che prevede la costruzione di 16 navi (di cui 10 già consegnate), lo scorso dicembre la sua controllata Marinette Marine ha ottenuto un ordine plurimiliardario per la costruzione di 4 unità MultiMission Surface Combatants (Mmsc), destinate al regno dell'Arabia Saudita, nell'ambito del programma Foreign Military Sales degli Stati Uniti.

Fincantieri: Equita parla di un ordine importante. Ecco perchè

Con riferimento alla nuove fregate lancia missili della Us Navy, gli analisti di Equita SIM in una nota diffusa questa mattina spiegano che si tratta di un ordine importante per Fincantieri per diversi motivi.

In primis rafforza il rapporto con la US Navy con cui Fincantieri sta anche sviluppando il programma Littoral Combat Ships, garantendo la piena occupazione del cantiere di Fincantieri Marinette Marine in Wisconsin.

In secondo luogo migliora la visibilità di medio periodo sui ricavi della società e inoltre, il business militare garantisce margini migliori di quello delle crociere e un profilo di pagamento migliore sulla base dello stato avanzamento lavori.

La SIM milanese spiega altresì che l'ordine rappresenta circa il 36% dell'order intake atteso dai suoi analisti per il 2020 dalla divisione shipbuilding.

Fincantieri: le attese degli analisti e la view sul titolo

Gli esperti ritengono molto probabile che la US Navy eserciti le opzioni per le altre 9 navi e ricordano che Fincantieri sta lavorando su ulteriori due tender previsti a breve: due sommergibili per la Marina Militare italiana e l`export di due fregate FREMM.

Non cambia intanto la strategia di Equita SIM che mantiene una view cauta su Fincantieri, con una raccomandazione "hold" e un prezzo obiettivo a 0,8 euro.

Fincantieri sotto la lente di Kepler Cheuvreux

Anche Kepler Cheuvreux non si sbilancia sul titolo, ribadendo il rating "hold", ma ritoccando al rialzo il target price da 0,5 a 0,65 euro.

Il broker segnale che il nuovo contratto supporta l'outlook nel segmento navale e questo aiuta Fincantieri a controbilanciare le difficili prospettive nel segmento Cruise.