Ford è sulla strada giusta per la ripresa. Mentre il mercato dell’auto negli Usa ha registrato una contrazione delle vendite nello scorso mese rispetto ad agosto, la casa automobilistica americana ha vissuto il miglior settembre dal 2006, con volumi in crescita del 5,8% rispetto allo stesso periodo del 2012 grazie alle buone performance sia del segmento auto (+13,6%) che di quello dei camion (+8,3%).

Vendite in salita

Le nostre previsioni sull’andamento del mercato Nord Americano per il 2013 continuano a essere improntate all’ottimismo. Le vendite dovrebbero superare la soglia dei 15,5 milioni di unità grazie un buon risultato nel quarto trimestre, che beneficierà del calo dei tassi d’interesse, dei prezzi ancora alti delle auto usate e del debutto di numerosi nuovi modelli. I nostri analisti si aspettano che nei prossimi cinque anni Ford registri una crescita media del fatturato attorno al 4,4% e un significativo miglioramento del suo margine operativo, visto in salita dal 4,5% dello scorso anno all’8,5% del 2017. In base a queste considerazioni, la nostra stima del prezzo obiettivo del titolo è di 23 dollari per azione che vale a Ford un rating Morningstar di quattro stelle, ovvero una raccomandazione di estendere la posizione sul titolo.

Qualità ed efficienza

Nonostante la frenata del mercato dell’auto, negli ultimi tre anni la casa americana ha conseguito risultati importanti portando il suo giro d’affari dai 119 miliardi di dollari del 2010 ai circa 139 miliardi previsti per il 2013, e questo per effetto dei significativi passi in avanti compiuti dal management. L’aver puntato sulla qualità ha modificato la percezione delle autovetture da parte dei consumatori, che ora le acquistano non solo in virtù dei generosi incentivi statali. Significativi progressi sono stati registrati anche nel miglioramento dell’efficienza del processo produttivo. L’opera di razionalizzazione delle piattaforme produttive continuerà fino al 2016, al termine della quale si prevede la sua produzione a livello globale venga realizzata attraverso l’utilizzo di sole cinque piattaforme. Questo consentirà a Ford di ottenere elevate economie di scala, riducendo in maniera significativa i costi di fabbricazione.