L'analisi del Ftse Mib

Anche la nova settimana è partita con il segno più a Piazza Affari dove il Ftse Mib ha terminato gli scambi a 21.892 punti, con un progresso dello 0,16%, accontentandosi di un rialzo più contenuto di quello messo a segno nel corso della giornata.

Nell'intraday l'indice ha toccato un top intraday a 22.004 punti, da cui però è stato respinto, ripiegando verso area 21.900.

Le quotazioni si sono spinte ieri sui massimi dall'1 agosto 2018, scontrandosi con un'importante resistenza, rappresentata dalla soglia psicologica dei 22.000 punti.

La tenuta di questo livello da una parte ha contenuto la spinta rialzista del Ftse Mib, dall'altra non ha respinto molto in basso i corsi, che sono rimasti a poca distanza dall'ostacolo in questione.

Nelle prossime ore non sono da escludere nuovi tentativi rialzisti e con una rottura decisa di area 22.000 il Ftse Mib potrà allungare il passo verso i 22.200 punti prima e in seguito in direzione della soglia dei 22.500 punti, dove in prima battuta si dovrebbe assistere ad una pausa prima di ulteriori sviluppi positivi.

La tenuta di area 22.000 potrebbe costringere l'indice delle blue chips a rivedere valori più bassi di quelli della vigilia.
Conferme in tal senso giungeranno da discese sotto i 21.800 punti, preludio ad un nuovo test dei 21.500 punti, già raggiunti durante la scorsa ottava.