L'analisi del Ftse Mib

Anche la seduta di ieri si è conclusa in positivo a Piazza Affari che, dopo essere stata l'unica in Europa a strappare il segno più in avvio di settimana, ha guadagnato terreno anche ieri.

Il Ftse Mib si è fermato a 24.688 punti, con un progresso dello 0,74%, dopo aver toccato nell'intraday un top a 24.762 punti.

Le quotazioni si sono spinte su nuovi massimi di periodo, raggiungendo livelli che non venivano più visti dal 2008.
Dopo aver riconquistato la soglia dei 24.500/24.550, il Ftse Mib si sta muovendo verso i 24.700/24.800 punti, superati i quali si assisterà ad un test della soglia psicologica dei 25.000 punti.

Se l'indice avrà ancora forza di spingersi in avanti, allora potrà allungare il passo verso i 25.450/25.500 punti prima e in seguito in direzione di area 26.000, raggiunta la quale sarà probabile una fase di consolidamento prima di ulteriori sviluppi rialzisti.

Per il Ftse Mib non sarà da escludere una pausa già sui valori attuali, con possibili ripiegamenti verso area 24.500.
Al di sotto di tale soglia l'indice scenderà a testare i 24.200 punti, con proiezione successiva in area 24.000.

L'eventuale cedimento di questo supporto aprirà le porte ad un test dei 23.800/23.700 punti, con successivo approdo in area 23.500/23.450, dove verrà chiuso il gap-up del 4 febbraio scorso. 

Il raggiungimento della soglia appena indicata dovrebbe favorire una ripresa degli acquisti, pena una prosecuzione del ribasso del Ftse Mib verso i 23.200 punti prima e in seguito in direzione di area 23.000.