In linea con quanto accade per le altre Borse europee, anche Piazza Affari rivede il segno più in quest'ultima seduta della settimana.

Ftse Mib in recupero, ma il bilancio settimanale è negativo

L'indice Ftse Mib, dopo quattro sessioni consecutive in ribasso, riesce a dare vita ad un rimbalzo, aiutato dalla chiusura di Wall Street dove i tre listini principali non hanno evitato il segno meno ieri, fermandosi però a notevole distanza dai minimi intraday.

Il Ftse Mib avanza oggi di un punto percentuale, riportandosi appena sopra la soglia dei 21.000 punti persa ieri, ma si appresta a chiudere la settimana in rosso, con un bilancio piuttosto negativo, visto che ai valori attuali la flessione è di oltre il 3,5% rispetto al close di venerdì scorso.

Le vendite hanno dominato la scena sin dall'inizio della settimana, complici le nuove mosse del presidente Trump che come evidenziato dagli analisti di Equita SIM, rischiano di portare nuovamente allo scontro sulle negoziazioni con la Cina.

Il presidente Usa ha infatti annunciato lo scorso week-end un aumento dei dazi su 200 miliardi di importazioni di beni cinesi dal 10% al 25%. L'incremento è entrato in vigore proprio oggi e resta ora in sospeso la minaccia di nuove tariffe al 25% su altri beni prodotti nel Paese del Dragone, per un valore di 325 miliardi di dollari.

Piazza Affari: Equita SIM cauta. Aumentato il rischio di una correzione