L'analisi del Ftse Mib

Chiusura positiva ieri a Piazza Affari che dopo il calo della vigilia si è sintonizzata con l'andamento positivo delle altre Borse europee.

Il Ftse Mib ha guadagnato lo 0,6% a 21.533 punti, recuperando circa metà delle perdite accusate nella sessione di martedì.

L'indice ieri si è mosso nello stesso range di prezzi del giorno precedente, denotando quindi incertezza e una fase di attesa da parte degli operatori.

Per poter avere nuovi spunti direzionali sarà importante assistere alla rottura dei massimi o dei minimi delle ultime due sedute.

Al rialzo il riferimento è alla soglia dei 21.700 punti, superata la quale il Ftse Mib andrà a chiudere il gap lasciato aperto nella sessione del 2 ottobre scorso poco sopra i 21.900 punti.

Da questo livello dovrebbe risultare agevole un approdo in area 22.000, lo sfondamento della quale aprirà le porte ad un sviluppo rialzista del Ftse Mib verso i 22.250 punti prima e in seguito in direzione dei massimi dell'anno in area 22.350. 

La mancata violazione di area 21.700, accompagnata da un ritorno dei corsi sotto quota 21.500, costringerà a spostare l'attenzione sul supporto dei 21.350 punti.

Se il Ftse Mib non riuscirà a difendere questo livello sarà molto probabile un nuovo test dei minimi dei giorni scorsi in area 21.100.