L'analisi del Ftse Mib

Non si ferma la corsa al rialzo del Ftse Mib che ieri ha vissuto la sesta seduta consecutiva in salita, confermando una maggiore forza rispetto agli altri listini europei.

L'indice ha guadagnato lo 0,98% a 22.120 punti, aggiornando i massimi dell'anno e tornando sui top di inizio agosto dello scorso anno.

Il Ftse Mib continua a generare segnali positivi, l'ultimo dei quali è arrivato proprio con la rottura dei precedenti massimi dell'anno in area 22.000/22.050.

Con conferme al di sopra di tale soglia l'indice potrà allungare il passo verso i 22.200 punti, già avvicinati ieri, oltre i quali estenderà il rialzo in atto in direzione dell'importante ostacolo dei 22.500 punti.

Al raggiungimento di questa soglia il Ftse Mib potrebbe anche rifiatare prima di mettere a segno nuovi progressi che avranno come obiettivo successivo l'area dei 22.800, ultimo baluardo prima di un approdo sui 23.200/23.200 punti.

La corsa delle ultime sedute potrebbe anche imporre una pausa prima di ulteriori apprezzamenti e in caso di ripiegamenti sarà da monitorare in primis l'area dei 22.000.

Al di sotto di questa soglia infatti il Ftse Mib potrebbe dare vita ad un pull-back in direzione di quota 21.500 punti, in corrispondenza della quale è atteso un ritorno degli acquisti.

Se ciò non dovesse accadere ancora il ritracciamento dell'indice proseguirà verso i 21.250/21.200 punti prima e in seguito in direzione di area 21.000, la cui tenuta sarà importante per scongiurare flessioni più ampie fin verso quota 20.500.