Finale di settimana in recupero a Piazza Affari dove il Ftse Mib si è sintonizzato con l'andamento positivo degli altri mercati azionari, tanto europei quanto americani.

Ftse Mib in recupero dopo il calo di ieri

L'indice è riuscito così a risalire la china dopo il netto calo di ieri, fermandosi oggi in area 19.400, con un vantaggio dell'1,7%.

Rispetto alla fine di settembre, in questa prima metà di ottobre il Ftse Mib ha guadagnato terreno, presentando al momento un rialzo di circa due punti percentuali.

Piazza Affari, al pari degli altri mercati, deve fare i conti con una serie di incertezze su vari fronti, ma gli altri di Equita SIM guardano con maggiore favorire ora alle prospettive future.

Ftse Mib: Equita più costruttiva in vista di un 2021 più positivo

Nel consueto report mensile, la SIM milanese ha fatto sapere che la sua raccomandazione ora è di diventare gradualmente più costruttivi sul mercato, in vista di un 2021 che ci gli analisti si aspettano più positivo.

Gli esperti ritengono che l’azione congiunta della politica monetaria e fiscale possa creare le condizioni per un recupero importante dell’economia.

Equita SIM avverte in ogni caso che  permangono ancora diversi fattori di rischio che potrebbero portare volatilità nelle prossime settimane, segnalando in particolare il rischio di una seconda ondata del virus, le elezioni presidenziali USA e il tema Brexit.

Alla luce di ciò gli analisti si lasciano una riserva di liquidità per aumentare gradualmente l’esposizione nei prossimi mesi.

Ftse Mib. come cambia il portafoglio degli analisti ad ottobre

Nel loro portafoglio raccomandato a Piazza Affari, Equita SIM ha aumentato l’ammontare investito al 96% dal 93% del mese scorso, portandosi leggermente in sovrappeso rispetto al benchmark, visto che il peso neutro è del 95%.

Gli analisti fanno sapere che l'esposizione al settore bancario è stata migliorata da sottopeso a neutrale in quanto si aspettano un’intensificazione del processo di consolidamento sia a livello domestico che europeo.

Gli esperti continuano a sovrappesare i titoli difensivi ed esposti ai temi finanziati dai piani europei (Utilities, Telecom, Infrastrutture/Cemento) e/o esposti a trend strutturali.

Banco BPM entra in portafoglio, aumenta il peso di Intesa Sanpaolo

Nel portafoglio principale è stato aumentato di 50 punti base il peso di Intesa Sanpaolo per portare l'esposizione al settore bancario a neutrale.

Per lo stesso motivo è stato inserito in portafoglio Banco BPM, con un peso di 240 puti base.  

Gli analisti ritengono che il gruppo dovrebbe essere al centro del processo di consolidamento che sta caratterizzando l’Italia, si pensi all'acquisizione di Ubi Banca da parte di Intesa Sanpaolo, e più in generale l’Europa.

Equita SIM segnala per Banco BPM una performance operativa in ripresa ulteriore rispetto a fine trimestre.
In questo contesto i multipli a forte sconto rispetto ai peers si traducono in un profilo rischio/rendimento interessante.

Anche per ENI più spazio in portafoglio

Da segnalare che viene aumentato anche di 60 punti base il peso di ENI per rispettare il sovrappeso minimo nel portafoglio.

Gli analisti segnalano che i prezzi del Brent si sono stabilizzati attorno alla soglia dei 40 dollari e i prezzi del gas sono nettamente migliorati a settembre in Europa.

Nonostante il migliore scenario dei prezzi degli idrocarburi, il titolo ha continuato a sottoperformare a settembre.

Buzzi Unicem: aumenta l'esposizione

Infine, Equita SIM ha deciso di incrementare di 50 basis points il peso di Buzzi Unicem in portafoglio.

Grazie ad una esposizione geografica prevalentemente orientata ai mercati sviluppati, il prolungato periodo di bassi tassi d’interesse e nuovi piani infrastrutturali, al centro del Recovery Fund Europeo e in discussione negli Stati Uniti, secondo gli analisti il momentum rimane positivo per Buzzi Unicem.

Inoltre, la valutazione si conferma attraente, anche considerando la solida struttura finanziaria.

Ftse Mib: tutte le blue chips da comprare questo mese

Quanto alle altre blue chips da mettere in portafoglio questo mese, Equita SIM suggerisce tra i bancari Mediobanca e Finecobank oltre ai già citati Intesa Sanpaolo e Banco BPM, e nel settore finanziario la scelta cade anche su Poste Italiane e Unipol.

Tra gli industriali insieme a Buzzi Unicem è raccomandato l'acquisto di Fca, Leonardo e Interpump, mentre tra le utility segnaliamo Ene, A2A, Hera, Snam e Terna.

In portafoglio anche Recordati, Inwit e Telecom Italia nella versione dlle azioni di risparmio.