L'analisi del Ftse Mib

Ancora una seduta positiva per il Ftse Mib che ieri è riuscito a dare un seguito al rialzo della vigilia, portando avanti il recupero partito dai minimi di venerdì scorso segnati poco sotto i 20.400 punti.

Proprio ieri l'indice è arrivato a lambire l'area dei 21.000 punti, già raggiunta giovedì scorso, salvo poi fermarsi circa un centinaio di punti più in basso.

Il Ftse Mib ha praticamente recuperato l'intero ribasso seguito all'appuntamento con la BCE della settimana passata e ora si trova a giocare una partita importante.

In area 21.000 si rischia la formazione di un doppio massimo, figura tecnica con implicazioni negative che, se confermata, porterà nuove vendite a Piazza Affari.

Per evitare che ciò accada il Ftse Mib dovrà subito allungare il passo oltre i 21.000 punti e in tal caso troverà un primo target in area 21.200 e un obiettivo successivo a 21.500/21.600 punti, che almeno in prima battuta dovrebbero fermare l'ascesa dei corai.

Con una conferma del doppio massimo di cui parlavamo prima il Ftse Mib imboccherà nuovamente la via delle vendite, scendendo prima sotto i 20.800 punti e in seguito in direzione dei 20.500 punti.

Un segnale di negatività si avrà con la violazione dei minimi della scorsa ottava a ridosso dei 20.400 punti, sotto cui la correzione del Ftse Mib proseguirà verso i 20.200 punti prima e successivamente in direzione della soglia psicologica dei 20.000 punti.