Dopo un avvio di settimana tutt'altro che convincente, con un calo di mezzo punto percentuale che ha replicato quello di venerdì scorso, Piazza Affari oggi prova a risalire la china, in linea con la buona intonazione mostrata dalle altre Borse europee.

Ftse Mib reduce da un anno record

Il Ftse Mib viaggia in salita dello 0,64% ad un passo dai 23.750 punti e a poca distanza dai top toccati nella prima seduta del 2020 a 23.861 punti.

Rispetto ai valori del close dello scorso anno l'indice delle blue chips mostra al momento un bilancio positivo di circa un punto percentuale, a poca distanza dai top del 2019 toccati a 24.000 punti.

Il Ftse Mib è reduce da un anno molto positivo, visto che, come evidenziato dagli analisti di Vontobel, ha chiuso un 2019 da record, con un rialzo di quasi il 30% e precisamente del 28,56%.

Si tratta di una performance decisamente brillante che il nostro indice non vedeva da oltre 20 anni e precisamente dal 1998.

Il Ftse Mib è stato il migliore listino europeo lo scorso anno e uno dei più performanti al mondo, basti pensare che ha fatto meglio solo il Nasdaq 100, con un progresso di quasi il 40%.

Ftse Mib: Vontobel spiega i motivi alla base del rialzo nel 2019

Come segnalato nella rubrica "Idea di Investimento" dagli esperti di Vontobel, diversi fattori hanno contribuito alla crescita di Piazza Affari nel 2019.

Il riferimento è in primis alla sottoperformance registrata nei 12 mesi precedenti, quando il Ftse Mib aveva performato peggio di quasi tutti gli altri indici internazionali.

Un aiuto non indifferente è arrivato anche dal sostegno delle Banche Centrali che hanno supportato per l'intero 2019 i mercati, con una politica monetaria accomodante.