L'analisi del Ftse Mib

Il Ftse Mib ieri ha archiviato un'altra sessione in calo, scendendo per la terza giornata consecutiva, pur chiudendo gli scambi appena sotto la parità, in netto recupero dai minimi intraday.

Nel corso della seduta l'indice è sceso ad un passo da area 21.000, l'avvicinamento della quale ha favorito una reazione che ha riportato i corsi a ridosso dei 21.200 punti.

Il recupero dai minimi di ieri potrebbe trovare un seguito nell'immediato, con primo target per il Ftse Mib in area 21.500, superata la quale si potrebbe assistere ad un test dei 21.650/21.700 punti.

Anche rimbalzi fino a quest'ultima soglia non permetteranno di considerare scongiurati i rischi di nuovi interventi da parte dei ribassisti. Perchè torni il sereno sarà importante che l'indice scavalchi la barriera dei recenti massimi dell'anno in area 22.000/22.050.

Solo oltre questo livello si avrà una riattivazione del trend rialzista partito ad inizio anno, con target successivi a 22.200 punti prima e in seguito a ridosso di area 22.500.

Al ribasso sarà negativo un abbandono dei 21.000/20.950 punti, persi i quali il Ftse Mib potrebbe registrare un'accelerazione verso i 20.600/20.500 punti.

Se anche questa soglia non dovesse rivelarsi in grado di arginare la pressione ribassista, allora bisognerà mettere in conto ripiegamenti più ampi verso i 20.300 punti prima e in seguito in direzione di area 20.000 nella peggiore delle ipotesi.