Nuovi segnali di forza per il Ftse Mib si avranno solo con lo sfondamento deciso di area 22.000, oltre la quale avremo un primo target sui massimi dell'anno a ridosso dei 22.350 punti.

Al di sopra di questo top l'indice potrà spingersi ancora in avanti verso i 22.500 punti, oltrepassati i quali allungherà il passo in direzione dei 22.800 punti prima e successivamente fino ad area 23.000.

Telecom Italia mostra i muscoli. Sarà la volta buona?

Ancora una chiusura in rialzo per Telecom Italia che ieri ha guadagnato terreno per la terza seduta consecutiva, salendo in controtendenza rispetto al Ftse Mib.

Il titolo si è fermato a 0,5038 euro, con un progresso dello 0,8%, alimentato da volumi di scambio superiori alla media mensile.

Telecom Italia si è spinto ancora in avanti all'indomani dell'accordo strategico firmato con Broadcom su un portafoglio di licenze.

Il gruppo americano metterà a disposizione software e hardware innovativi per migliorare l'offerta di soluzioni IT per l'infrastruttura aziendale di Telecom Italia, rafforzando una collaborazione di lungo termine già in essere.

Sei affascinato dai mercati finanziari e vorresti diventare un bravo trader?

Iscriviti da qui per rimanere sempre aggiornato sugli eventi di formazione gratuita di Trend-Online.com