L'analisi del Ftse Mib

La seduta di venerdì scorso si è conclusa in positivo per il Ftse Mib che è salito dello 0,44% a 22.181 punti, guadagnando terreno per la terza giornata consecutiva.

Positivo anche il bilancio settimanale visto che nelle ultime cinque sessioni l'indice delle blue chips è salito dell'1,07% rispetto al close del venerdì precedente.

Il Ftse Mib è riuscito a superare la soglia dei 22.000 punti, la cui violazione non ha spinto al momento le quotazioni fino ai massimi dell'anno toccati a luglio in area 22.350.

E' questo l'ostacolo da abbattere ora per assistere ad ulteriori sviluppi positivi che si materializzeranno subito con un primo approdo in area 22.500.

Con la violazione di questo livello il Ftse Mib metterà a segno nuovi progressi verso i 22.800 punti prima e in seguito in direzione dei 23.000/23.100 punti, raggiunti i quali sarà lecito attendersi una pausa del rialzo almeno momentaneamente.

Se al contrario l'indice non riuscirà a violare i top dell'anno in area 22.350, allora saranno probabili dei ripiegamenti che troveranno un primo supporto a quota 22.000.

Discese al di sotto di questo livello vedranno il Ftse Mib scendere verso i 21.800 punti, sotto cui la flessione proseguirà fino all'area dei 21.500, dove verrà chiuso il gap-up lasciato aperto nella sessione del 4 settembre.