Philippe Waechter, Chief Economist di Ostrum Asset Management (Gruppo Natixis IM), spiega che le spese destinate ai consumi sono diminuite dopo l'aumento dell'aliquota Iva dello scorso ottobre, il Pil è sceso del 6,3% su base annua nell'ultimo trimestre dell’anno scorso. Non si prevede alcuna ripresa a breve e la crescita del Pil nel 2020 sarà negativa.

Il Pil giapponese ha subito una flessione nel quarto trimestre del 2019 in calo del 6,3% su base annua, dopo il +0,5% del terzo trimestre. Per il 2019, in media, il tasso di crescita del Pil è stato dello 0,8% dopo lo 0,3% del 2018. Il carry per il 2020 alla fine del 2019 è pari a -1%. Ciò significa che difficilmente la crescita del Pil nel 2020 sarà in territorio positivo. Con una crescita dello 0,5% (non annualizzato) per ogni trimestre del 2020, la crescita media annua sarebbe dello 0,2%. La crescita media trimestrale dal 2016 è dello 0,19%. Con questo dato per ogni trimestre del 2020, la variazione del Pil nel 2020 sarebbe negativa, attestandosi a -0,6%.

Il motivo principale di questa debolezza è legato all'aumento dell'aliquota Iva di ottobre (dall'8 al 10%). Nell'aprile del 2014 il governo aveva già aumentato l'aliquota dal 5% all'8%, portando a un netto crollo della spesa destinata ai consumi. La stessa misura di politica economica ha portato al medesimo risultato in termini di calo dei consumi e del Pil. Nel secondo trimestre del 2014 il Pil scese del 7,4% su base annua. Il minore potere d'acquisto implicito nell'aumento dei tassi spinse verso l’alto la spesa durante il mese precedente al rialzo e, subito dopo l'aumento, la spesa subì una significativa flessione. Nel 2014 e nel 2019 la storia è stata identica.