Beyond Meat

Gli analisti di Bernstein hanno ieri avviato con rating d'acquisto la copertura su Beyond Meat, lo specialista dei burger vegetali protagonista qualche giorno fa di uno dei più fortunati collocamenti borsistici degli ultimi vent'anni, sulla base di una tesi d'investimento che apprezza le robuste prospettive di crescita delle vendite del gruppo.



Investire in Beyond Meat: la tesi di Bernstein

“Stiamo avviando la copertura su Beyond Meat", scrive il broker commentando l'ipo, "con un rating Outperform e una target price a $81, che implica un multiplo di 13 volte le nostre stime sulle vendite dell'esercizio 2020, contro quello di 20 volte le vendite del 2019 a cui la compagnia sta trattando alla data di oggi. La recente e pianificata espansione della capacità produttiva appare destinata a facilitare una rapida crescita delle vendite nel 2019 e oltre. Se la categoria delle alternative alla carne sviluppa un percorso simile a quello delle bevande basate su piante (dal 5% - 15% del mercato nel giro di un decennio dopo che l'innovazione del latte di mandorla ha dato un forte  impulso alla categoria), allora il total addressable market potrebbe essere di $40,5 miliardi negli USA in dieci anni. Se Beyond Meat può assicurarsi un 5% di quota di mercato (dall'attuale 2%), ciò implicherebbe vendite pari a $2 miliardi nel 2028 (contro gli $88 milioni del 2018 e i $207 milioni nel 2019).”