Il mercato è più esposto al rischio di picchi ribassisti

L'operatività da prediligere sarà sempre quella del "mordi e fuggi" visto che non si è in presenza di ripartenza di alcun trend. Di D.Turri

Di seguito riportiamo l'intervento di Daniela Turri, da noi interpellata sulle previsioni dell'S&PMib future.Analisi previsionali su futures e indici (italiani ed esteri), azioni, valute e commodities. Per informazioni e dettagli: www.fib30online.it oppure inviare una mail a: fib30online@hotmail.com o telefonare al 348/823.08.01Il precedente intervento è stato pubblicato a marzo scorso. Vorrei evidenziare che non sono stati pubblicati altri miei interventi su questo sito da quella data per mia scelta, visto che alcuni "animi" non elliottiani si erano irragionevolmente "surriscaldati" e ritengo che la polemica fine a se stessa sia deleteria, a qualsiasi livello. Dal mio ultimo pezzo di marzo, abbiamo visto il nostro indice (nel frattempo divenuto FTSE/MIB) sostenersi sopra il supporto settimanale a 12100pt e sviluppare la reazione rialzista di circa 3500pt allora prevista (quindi risalite sino all'area dei 15800pt erano state sin da allora preventivate). Il rialzo in questi tre mesi è riuscito a riportarsi a ridosso dei 21000pt, pertanto ampliando la fase di rialzo allora prevista. Ma giova ricordare che da oltre un mese i valori sono rimasti bloccati in un laterale di circa 2000pt (18500/20500 per il derivato). Lo sviluppo sinora osservato consente di sottolineare che:1) siamo tuttora inseriti in una fascia di oscillazione pressochè orizzontale sostenuta dal supporto a 18300pt indice e delimitata al rialzo da quota 21000pt indice2) tale fase di lateralità è attesa protrarsi sino a quando non si avrà la violazione degli estremi, notando come il mercato sia piu' esposto al rischio di "picchi" ribassisti con obiettivo iniziale a 17400pt