Secondo quanto stabilito dall’Istituto INPS, i pagamenti relativi al reddito di cittadinanza, al reddito di emergenza, alla Naspi e ai vari bonus compreso il bonus Renzi previsti dal Governo italiano, di cui migliaia di cittadini italiani sono beneficiari, avverranno secondo modalità e calendari diversi a seconda del sostegno economico in questione. 

Dunque, anche per quanto riguarda il calendario previsto per i pagamenti dei benefici per il mese di ottobre 2020, bisogna fare riferimento a diverse tempistiche per i vari sostegni, anche sulla base di quando è stata effettuata la richiesta o dalla modalità accordata per l’accredito

Ecco quindi il calendario completo dei pagamenti INPS disposti per il mese di ottobre 2020, per quanto riguarda i sostegni economici spettanti ai cittadini italiani aventi diritto al reddito di cittadinanza, alla Naspi, al reddito di emergenza, bonus bebè e anche il nuovo bonus Renzi in busta paga. 

Reddito di cittadinanza: quando arrivano i pagamenti INPS di ottobre

Il reddito di cittadinanza, nota anche come RdC, rappresenta una misura economica di politica del lavoro, volto a combattere la povertà e la disuguaglianza sociale, al fine di favorire l’inclusione di tutti i cittadini italiani, anche quelli che hanno una situazione economica critica. 

Per quanto riguarda i pagamenti INPS del reddito di cittadinanza previsto per il mese di ottobre 2020 avverrà a seconda della data in cui è stata inviata la richiesta per accedere al sostegno economico. Infatti, per coloro che hanno già fatto domanda per il beneficio nei mesi precedenti, e che dunque dispongono della specifica carta reddito di cittadinanza, l’accredito sulla carta di credito sarà disposto a fine mese, a partire dal giorno martedì 27 ottobre 2020. 

Dovranno invece aspettare coloro che hanno fatto domanda del reddito di cittadinanza dopo la prima settimana di ottobre e fino al 31 ottobre. In questo caso, l’INPS provvederà all’elaborazione della richiesta, la verifica dei requisiti e di conseguenza la consegna della carta reddito di cittadinanza presso gli uffici di Poste Italiane del, entro il giorno 15 del mese prossimo, dunque di novembre 2020.

A tal proposito, i cittadini potranno ricevere la prima mensilità del reddito di cittadinanza in maniera anticipata rispetto agli altri beneficiari, in quanto risulterà già accreditata sulla carta al momento del ritiro. 

Lo stesso calendario dei pagamenti INPS è stato previsto anche per i cittadini italiani che hanno diritto alla pensione di cittadinanza. 

In arrivo i pagamenti INPS per il reddito di emergenza

Il reddito di emergenza è una misura di sostegno economico introdotta dal Governo italiano, in seguito all’approvazione e la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto-legge del 19 maggio 2020, n.34, meglio conosciuto come Decreto Rilancio. In particolare, l’articolo 82 del Decreto Rilancio ha disposto una nuova misura economica in favore di quei nuclei familiari che si trovano in una condizione di difficoltà a causa dell’arrivo dell’emergenza epidemiologica provocata dal Coronavirus

In merito ai pagamenti INPS, è stato previsto che per coloro che hanno presentato la richiesta per accedere al reddito di emergenza entro il mese di luglio 2020, il pagamento della seconda mensilità prevista dal Decreto Rilancio è stato disposto entro il giorno 15 settembre. Tuttavia, in seguito alla pubblicazione in Gazzetta del nuovo Decreto Agosto, è stato prevista un’ulteriore mensilità aggiuntiva, spettante per coloro che hanno presentato la domanda entro il giovedì 15 ottobre.

Il calendario dei pagamenti INPS per la Naspi

La NASpI, acronimo della Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego, si configura come un’indennità economica mensile di disoccupazione. La misura, introdotta in seguito alla pubblicazione dell’articolo 1, del decreto legislativo del 4 marzo 2015, n.22, ha così confermato la sostituzione delle prestazioni di disoccupazione previste in precedenza, ovvero ASpI e MiniASpI. 

In merito al calendario dei pagamenti INPS disposti per coloro che hanno richiesto e dunque hanno i requisiti per poter usufruire della Naspi, questi dovrebbero ricevere l’accredito della mensilità di settembre dell’indennità di disoccupazione già a partire da sabato 10 ottobre 2020. 

Tuttavia, questa data potrebbe subire diverse variazioni, sulla base del richiedente e di quando è stata effettuata la domanda per la richiesta di disoccupazione della Naspi.

Quando arriva il bonus bebè 

Il bonus bebè rappresenta un assegno con cadenza mensile, che è stato destinato e riconosciuto alle famiglie italiane per ogni figlio che è nato, adottato o dato in affido preadottivo. Tale assegno è corrisposto ogni fine mese, fino al primo anno di età del figlio oppure al primo anno in cui il figlio ha fatto ingresso all’interno del nucleo familiare, dopo essere stato adottato o dopo aver avuto l’affidamento preadottivo.

Per quanto concerne l’arrivo dei pagamenti INPS previsti per il bonus bebè, la mensilità del mese di settembre dovrebbe arrivare a partire dal 12 ottobre 2020. 

Il pagamento da parte dell’INPS potrà essere disposto tramite libretto postale, accredito su conto corrente bancario o quello postale, o in alternativa tramite bonifico domiciliato o attraverso l’accredito su una carta elettronica prepagata, il cui IBAN risulta essere intestato al beneficiario.

I pagamenti del nuovo bonus Renzi

A partire dal giorno 1° luglio 2020, il vecchio Bonus Renzi ha subito una trasformazione sia in merito all’importo che ai limiti di reddito che sono presi in considerazione per poter accedere al bonus in busta paga.

Infatti, in seguito al decreto MEF approvato il 23 gennaio 2020, il precedente bonus degli 80 euro in busta paga è stato abolito per essere sostituito da un nuovissimo Bonus Irpef dal valore di 100 euro che andrà direttamente in busta paga di tutti i contribuenti italiani con un reddito annuale fino a 28.000. invece per coloro che hanno un reddito superiore a quello dei 28.000 e inferiore ai 35.000, è stata disposta una nuova detrazione fiscale dal valore di 80 euro.

Per quanto riguarda i pagamenti INPS che saranno disposti per il mese di ottobre 2020, questi avverano entro la fine del mese, in particolare a partire dal venerdì 23 fino al sabato 31 ottobre 2020.

Ancora poche settimane per richiedere la cassa integrazione

L’INPS ha avviato una nuova procedura operativa che permetterà ai cittadini italiani di richiedere la propria della cassa integrazione, introdotta in seguito alla pubblicazione del Decreto Agosto a causa dell’arrivo dello stato di emergenza provocata dall’arrivo del Coronavirus.

Con la circolare numero 115 pubblicata dall’Istituto il 30 settembre, sono state chiarite le modalità di calcolo utilizzate per le nuove diciotto settimane previste per la cassa integrazione. Insieme alle specifiche in merito al calcolo, l’INPS ha fornito anche ulteriori informazioni in relazione alle modalità previste per la domanda di accesso alla Cassa integrazione Covid-19.

A tal proposito, coloro che sono intenzionati a fare la richiesta, avranno come scadenza ultima da rispettare quella del 31 ottobre che va a prorogare il precedente termine ultimo del 30 settembre. 

Con il Decreto Agosto sono state previste due tranche di nove settimane più nove che potrebbero essere concesse soltanto ai datori di lavoro ai quali era stato già completamente autorizzato il precedente periodo delle nove settimane.