Seduta a due velocità a Piazza Affari per i due Big del settore bancario Unicredit e Intesa Sanpaolo, che dopo un avvio di contrattazioni debole si sono allineati a metà mattinata in territorio positivo riuscendo così a far meglio dell'indice Ftse Mib (-0,26%).

La giornata di Unicredit e Intesa

Alle 11.30, sale dello 0,42% Unicredit, che dopo aver ceduto un frazionale 0,26% martedì scorso viene fotografato  a quota 12,38 euro a fronte di circa 5,9 milioni di azioni transitate sul mercato finora. Perfettamente identico il progresso percentuale di Intesa, che negli ultimi minuti avanza a 2,347 euro dopo aver strappato  nella seduta di martedì scorso, nel giorno della riunione dell'Assemblea degli azionisti, un +0,21%  in controtendenza con il comparto.

La giornata di Intesa Sanpaolo

I due istituti italiani continuano intanto a rimanere nel radar degli analisti di mercato in attesa dei conti trimestrali che entrambi pubblicheranno nei prossimi giorni.

A ricevere indicazioni ancora poco incoraggianti è oggi nuovamente Intesa, che già alla vigilia della pausa del primo maggio era stato oggetto di alcuni report decisamente cauti degli analisti in alcune preview sui conti che l'istituto guidato da Carlo Messina approverà il prossimo 7 maggio. 

Berenberg: meglio Unicredit ora

Nel dettaglio, ricordiamo, Banca Akros aveva peggiorato il rating sul titolo da Buy ad Accumulate, principalmente per tenere conto del recente rally del titolo (+20% da gennaio), anche se ha lasciato immutato il prezzo obiettivo a 2,5 euro aspettandosi utile a 926 milioni, una conferma dell'ottimo rapporto costi-ricavi (al 52,5%) e un Cet 1 ratio ancora solido sui livelli della fine del 2018.