Per investire sui mercati le strade possibili e percorribili sono due: fare in proprio, con scelte ed investimenti fai da te, oppure affidarsi ai gestori attraverso prodotti e strumenti del risparmio gestito. L'una e l'altra strada possono essere valide, ma investire i risparmi senza il fai da te è da preferire quando non si ha tempo per seguire i mercati o comunque non si conoscono a pieno le dinamiche che regolano i movimenti dei prodotti e degli strumenti finanziari su cui si vorrebbe investire

Investire i risparmi senza il fai da te, gli ETF

Fermo restando che pure con i prodotti e con gli strumenti del risparmio gestito i rischi legati agli investimenti ci sono sempre, la via più semplice è quella di puntare sugli ETF, ovverosia sugli Exchange-traded fund che sono in grado di replicare passivamente l'andamento di indici azionari ed obbligazionari e, in generale, di panieri di titoli. Si tratta di strumenti finanziari che permettono di diversificare a fronte di costi che sono molto contenuti.

Investire i risparmi senza il fai da te, i Fondi Comuni di Investimento 

Un po' più costosi, ma sempre nell'ottica di investire i risparmi senza il fai da te, sono invece i Fondi Comuni di Investimento che, al pari degli ETF, possono essere azionari, obbligazionari oppure misti. Rispetto agli Exchange-traded fund, pur tuttavia, i Fondi Comuni di Investimento non sono a gestione passiva ma attiva con il fine di fare meglio del mercato andando a battere, riuscendoci, un determinato benchmark.

Investire i risparmi senza il fai da te, le Gestioni Patrimoniali

Per chi ha tanti soldi da investire, e non vuole fare in proprio, la soluzione migliore, rispetto ad ETF e Fondi Comuni di Investimento, è quella di affidarsi alle cosiddette Gestioni Patrimoniali con cui si dà mandato ad un intermediario finanziario di far fruttare i soldi secondo un determinato livello di rischio ma, nello stesso tempo, il gestore ha ampia discrezionalità nell'investire e nel disinvestire in valori mobiliari.