A cosa serve l’ISEE? Quali sono i documenti per ISEE e come procedere al calcolo dell’ISEE?

Sono queste le domande e i dubbi più ricorrenti da parte dei cittadini e contribuenti italiani.

Per accedere a molti servizi sociali ed agevolazioni è necessario presentare l’Indicatore della situazione economica equivalente, la famigerata ISEE, che forse non tutti sanno cosa sia, come viene calcolata e a cosa serve.

ISEE: che cos’è?

L'ISEE è l'indicatore della situazione economica equivalente, che serve per valutare e confrontare la situazione economica dei nuclei familiari che intendono richiedere una prestazione sociale agevolata.

L'accesso a queste prestazioni è legato al possesso di determinati requisiti soggettivi e alla situazione economica del nucleo familiare.

Il nuovo ISEE introduce migliori criteri di valutazione del reddito e del patrimonio, insieme a controlli più attenti.

ISEE, a cosa serve?

A cosa serve esattamente l’ISEE? Per accedere a molti servizi sociali ed agevolazioni è necessario presentare l’Indicatore della situazione economica equivalente, ovvero l’ISEE.

L’ISEE consente di valutare e confrontare la situazione economica dei nuclei familiari che intendono richiedere una prestazione e agevolazione sociale (reddito di cittadinanza, luce, gas, ecc.).

Per accedere ad un’agevolazione sociale o bonus a condizioni vantaggiose è necessario essere in possesso di determinati requisiti soggettivi ed economici.

ISEE, come ottenerlo?

Per ottenere la propria certificazione ISEE è necessario compilare la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU).

La DSU è un documento che contiene le informazioni anagrafiche, di natura reddituale e patrimoniale necessarie a descrivere la situazione economica del nucleo familiare.

La Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) può essere presentata in qualsiasi periodo dell'anno.

Documenti per ISEE: quali presentare?

Per ottenere la certificazione ISEE è necessario compilare la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), un documento che contiene i dati anagrafici, reddituali e patrimoniali del nucleo familiare.

I dati da presentare i dati anagrafici ed i beni patrimoniali, dati reddituali dall’Agenzia delle Entrate e dati sui trattamenti assistenziali, previdenziali e indennitari erogati dall’INPS. Il nucleo familiare è quello alla data della presentazione della dichiarazione.

Per i dati reddituali è necessario fare fede ai documenti fiscali (dichiarazione dei redditi) dell’anno precedente, mente per il patrimonio immobiliare e mobiliare è necessario fare riferimento all’anno precedente alla presentazione della DSU.

La DSU deve essere presentata:

- al Comune;

 

- all’Ente che eroga la prestazione sociale agevolata;

 

- ad un Centro di Assistenza Fiscale (CAF), che presta assistenza gratuita ai cittadini sulla base di una convenzione stipulata con INPS;

 

- all’INPS in via telematica, la DSU può essere compilata on line, direttamente dall'interessato. In questo caso occorre essere muniti di PIN dispositivo o SPID.

Documenti per calcolo ISEE: Lista da presentare

I documenti da presentare per il calcolo dell’ISEE sono ascrivibili ai seguenti:

- Documento d’identità in corso di validità;

 

- Codice fiscale;

- Ultima bolletta pagata del canone d’affitto;

- Stato di famiglia;

- Contratto di locazione (con estremi di registrazione);

- Certificato d’invalidità per invalidità superiore al 66%;

- Ultimo Modello 730 o Modello Unico presentato o l’ultima certificazione dei redditi (Modello CU) rilasciato dal datore di lavoro o ente pensionistico.

Per procedere al calcolo del patrimonio immobiliare sono necessari i seguenti documenti:

- Estratto conto (saldo contabile) di depositi e c/c bancari e postali e giacenza media;

- Depositi e conti correnti bancari e postali;

- Titoli di stato, obbligazioni, certificati di deposito e credito, buoni fruttiferi e assimilati;

- Azioni o quote di organismi di investimento collettivo di risparmio (O.I.C.R.) italiani o esteri;

- Partecipazioni azionarie in società italiane ed estere quotate e non quotate in mercati regolamentati;

- Capitale residuo del mutuo per l’acquisto o costruzione degli immobili;

- Contratti di assicurazione mista sulla vita;

- Dati di chi gestisce il patrimonio mobiliare;

- Dati relativi a tutti i fabbricati, terreni agricoli e aree fabbricabili posseduti come da Visura Catastale.

Calcolo ISEE

L’ISEE è il rapporto tra l’indicatore della situazione economica (ISE) e la Scala di Equivalenza.

Per il calcolo del reddito si deve includere:

- il 20% del reddito da lavoro dipendente o da pensione;

- gli assegni al coniuge e ai figli;

- gli interessi derivanti da investimenti in prodotti finanziari.

- una quota delle locazioni;

- le spese per i disabili (con valore diverso a seconda del grado di disabilità);

- una franchigia sulle abitazioni di proprietà.

Sono previste maggiorazioni di:

- 0,35 per ogni ulteriore componente;

- 0,2 per nuclei familiari con figli minori, elevata a 0,3 in presenza di almeno un figlio di età inferiore a tre anni compiuti

- 0,5 per ogni componente con disabilità media, grave;

- 0,2 in caso di presenza nel nucleo di tre figli, 0,35 in caso di quattro figli, 0,5 in caso di almeno cinque figli.

ISEE: Simulazione calcolo

L'INPS mette a disposizione dei cittadini un servizio per simulare il calcolo del proprio ISEE.

Questo tool di calcolo consente di comprendere la situazione economica del proprio nucleo familiare per valutare il potenziale possesso dei requisiti economici di accesso alle prestazioni sociali agevolate.

ISEE: quali sono le agevolazioni previste?

Come anticipato l’ISEE serve per ottenere diverse agevolazioni che è possibile richiedere e che lo Stato eroga ai contribuenti che sono in possesso di determinati requisiti reddituali.

Le famiglie con reddito e ISEE basso possono contare su numerosi bonus, sconti e agevolazioni:

- bonus gas e luce
- bonus telefono
- gratuità del conto corrente
- esenzione ticket
- dentista sociale
- fondo morosità incolpevole
- contributo comunale
- bonus bebè
- reddito di inclusione
- bonus mamme e nido senza limiti isee
- assegno di maternità comunale
- esenzione tasse scolastiche
- no tax area università
- buono acquisti libri.

ISEE: è previsto il rilascio entro 10 giorni?

Una volta compilata, la DSU viene trasmessa all’INPS che effettuerà il calcolo del modello ISEE richiesto.

Bisognerà attendere circa 10 giorni lavorativi dal momento della richiesta prima che avvenga il rilascio dell’attestazione.

Nei periodi di maggior affluenza, come a gennaio, è possibile che i tempi di attesa siano molto più lunghi

Anche nel periodo tra febbraio e marzo l’INPS è impegnato nel rilascio delle attestazioni per tutti i futuri beneficiari del reddito di cittadinanza.