Dal rigassificatore di Rovigo a Finmeccanica, da Unicredit alla Costa Smeralda, dalla lotta alla criminalità all’intensificazione dei servizi aerei. Ma tutto ciò non è che solo un assaggio degli interessi che l’emiro del Qatar ha manifestato verso il nostro paese, direttamente o per mezzo del fondo sovrano del suo Paese. Con una fortuna personale di 65 miliardi di euro, e una gestione efficiente della sua sovranità sul Qatar, l’emiro Sheikh Hamad bin Khalifa Al Thani, dopo aver incontrato di recente il premier Mario Monti, ha quindi offerto evidenti segni di apertura verso l’Italia.

Nell’ambito dell’alleanza del Golfo (GCC) il Qatar rappresenta, dopo l’Arabia Saudita, la realtà più diversificata e solida dal punto di vista economico. Con una popolazione inferiore ai 2 milioni di abitanti, dal punto di vita macro il Qatar presente un notevole surplus gemello: fiscale (+ 18.4% del PIL nel 2011) e commerciale (22.6 mld $ 2011). Numeri che lo rendono particolarmente appetibile per investimenti non solo verso le infrastrutture ma anche di portafoglio.

Anche perché si tratta di un paese dal rating doppia A e con un valore del CDS ora a quota a 120 punti base, dopo un picco a 150 a metà gennaio, e una scommessa aperta da parte degli analisti internazionali che vedono un possibile rientro sotto i 100 punti.

Se pensiamo che il CDS della Francia è a 190 bp e quello dell’Austria a 165 bp, ancora una volta l’UE resta a buon mercato per chi però non ha problemi di rischio di concentrazione del portafoglio e di volatilità sul breve termine. Attualmente le emissioni obbligazionarie circolanti e più liquide in Qatar sono tutte in dollari Usa, con tagli che limitano di fatto l’accesso al retail. Mentre sul mercato azionario è stato recentemente aperto a gennaio un segmento dedicato alle PMI per rafforzare un impianto borsistico più diffuso e diversificato. La Borsa del Qatar accoglierà PMI di tutti i Paesi GCC, confermandosi il principale mercato azionario dell’area, ed anche quello più tecnologico con la sua piattaforma di trading ad alto livello.