Arrivata al giro di boa Piazza Affari si conferma in territorio negativo, con il Ftse Mib che viaggia a ridosso dei minimi intraday in area 19.650, con una flessione dello 0,61%.

Ftse Mib: inversione di rotta dopo avvio positivo

E dire che la seduta era partita bene, visto che dopo il rialzo della vigilia il mercato si è posizionato subito al rialzo, in sintonia con l'andamento delle altre Borse europe, sulla scia delle indicazioni arrivate ieri dalla Fed.

L'entusiasmo iniziale però ha avuto vita breve, visto che le Borse europee si sono mosse a passo di gambero e anche Piazza Affari ha indietreggiato, cambiando rotta e registrando al momento la peggiore performance nel Vecchio Continente.

Le anticipazioni del premier Conte sul PIL e la conferma dell'Istat

Ad appesantire ulteriormente il sentiment sul nostro mercato hanno contribuito senza dubbio le indicazioni arrivate dal fronte macro, che hanno di fatto confermato le anticipazioni giunte ieri in serata.

Il premier Giuseppe Conte, nel corso di un incontro con gli industriali milanesi, aveva dichiarato ieri sera di attendersi un'ulteriore contrazione del PIL nel quarto trimestre del 2018. 

A poche ore di distanza è giunta questa mattina la conferma dall'Istat, da cui si è appreso che negli ultimi tre mesi dello scorso anno il Prodotto Interno Lordo nel nostro Paese ha evidenziato una variazione negativa dello 0,2%. Un dato che ha deluso le attese degli analisti che si erano preparati ad un calo dello 0,1%, in linea con quello dei tre mesi precedenti.