La stupidità regna sovrana a Wall Street: è circondato da ogni tipo di politica economica sfavorevole ed evento imprevedibile, eppure i trader ed i robo-trader continuano a camminare sul bordo di una vasca piena di pescecani.

Non sembrano affatto ricordare che tra il picco intra-giornaliero di 2.941 e la chiusura alla vigilia di Natale, l'indice S&P 500 è sceso di un 25% in soli 64 giorni di trading.

Può davvero essere che la cecità di Powell e l'apparente tregua tra Trump e lo Schema Rosso di Ponzi abbiano rimosso ogni singola nuvola oscura dai cieli?

Ad ascoltare le teste di legno nello zombie-box, pare proprio di sì. E ancora meglio, ora che le preoccupazioni sul Muro sono state cancellate, il proverbiale tsunami di denaro a bordo campo si sta presumibilmente preparando ad alimentare la madre di tutti i crolli del mercato azionario.

Lo stesso Larry Fink, amministratore delegato di Blackrock, lo ha detto poco tempo fa. Intendiamoci, non ha detto perché dovrebbe salire ancora di più rispetti ai suoi attuali livelli già stratosferici, solo che il FOMO sta per scatenare un altro fuggi-fuggi di acquisto nel casinò.

Tra tutte le persone proprio Larry Fink, seduto in cima a $6.000 miliardi di asset (perlopiù ETF e fondi comuni d'investimento che possono essere scaricati in un momento di panico), dovrebbe essere agitato. Blackrock guadagna meno di 30 bps sulla sua montagna di risorse gestite, il che significa che un crollo dei prezzi degli asset di rischio (anche vicino a quelli del 2008-09 e 2000-2001) spazzerebbe via la maggior parte dei suoi $4 miliardi di profitti annuali.