Lo spunto rialzista c’è stato

In primis il nostro indice dovrebbe superare lo scoglio dei 20.600 per poi allungare fino a 21.200-21.600 e perché no testare quota 22.000. Di M.Stramandinoli

Finalmente!!! Bene lo spunto rialzista che i grafici sugli indici azionari mi segnalavano e che indicavo nel mio precedente articolo c’è stato e con gran gioia l’agognata quota 950 di S&P500 è arrivata proprio al Venerdì nell’ultima sessione dell’ottava appena passata. Infatti l’indice “faro” del paese a stelle e strisce ha toccato di massimo quota 951 circa per poi chiudere la settimana di poco negativo -0.25% a quota 940 circa. La settimana che ci siamo lasciati alle spalle ha dato dei significativi segnali e soprattutto l’inizio è risultato essere come da me previsto. Infatti Lunedì 1 Giugno sia lo S&P500 (che si era portato a ridosso di 950 toccando di massimo 947 circa) che il nostro indice domestico (arrivato alla soglia di quota 20.600 massimo di giornata 20.550 circa) hanno chiuso la sessione con un rialzo che tutto faceva sperare ad una continuazione della fase rialzista in atto. Desidero ricordare che l’1 Giugno il nostro indice ha cambiato denominazione in quanto da S&PMIB ora si chiama FTSEMIB. Per molti la cosa è di superfluo significato ma per chi come me usa delle tecniche particolari ha un significato importante ed interessante, ma di questo non voglio tediarvi scrivendo cose che per ovvi motivi con un solo articolo possa io essere esaustivo e fornire spiegazioni dettagliate. Osservando bene i grafici penso che il rialzo non si sia esaurito e, come scrivo da tempo ormai, potrebbe continuare. In primis il nostro indice dovrebbe superare lo scoglio di quota 20.600 per poi allungare fino a 21.200-21.600 e perché no testare quota 22.000 e solo nel caso malaugurato dovesse abbandonare quota 18.700 potrebbe scivolare fino a quota 17.500, la qual cosa per me di difficile attuazione ma non per questo impossibile. Per quanto riguarda l’indice americano bisogna adesso aspettare che si consolidi e che possa avere ancora forza tanto da poter superare quota 950 definitivamente in modo da proiettarsi alla forte resistenza di quota 1000 che oltre ad un importante significato tecnico risulta essere anche una forte soglia psicologica. Per contro, mi tocca ripeterlo e risultare per molti anche noioso, che solo l’abbandono di quota 854 potrebbe farmi rivedere i calcoli da me fatti fino adesso. Passando all’azionario puro ed in particolare alle mie 4M c’è da evidenziare il gran balzo in avanti fatto dal titolo Mediolanum che ha raggiunto quasi euro 4 e mi aspetto ancora che possa mettere a segno “l’oltre” che in cifre potrebbe essere 4,15-4,25 ed ulteriore “oltre” naturalmente con le dovute correzioni nel suo percorso. Mediobanca si trova adesso a ridosso di 8.80 indicato da me come ulteriore obiettivo e che potrebbe continuare fino a 9.10 ed oltre. Mediaset sta soffrendo ancora ma secondo la mia visione ha spazio per risalire ancora la china e portarsi a 4.40 e poi 4.60 ed oltre. Infine Mondadori, su questo titolo bisogna prestare più attenzione perché se dovesse abbandonare il valore di Euro 3 potrebbe rivedere 2.80 per contro un superamento di 3.20 potrebbe allungare fino a 3.30-3.45-3.60. Concludendo con il Mercato Forex è da evidenziare il gran balzo dell’Euro sul Dollaro che nella trascorsa ottava ha raggiunto il valore di 1.4338 di massimo e seguita da una reazione del Dollaro che è riuscito a recuperare e portarsi sul valore di 1.3934 e potrebbe continuare ancora di poco il recupero messo in atto per poi assistere alla reazione dell’Euro che potrebbe risalire e superare nuovamente il valore di 1.41/42. Staremo a vedere. Un “In Bocca al Lupo a Tutti!!!”.