La sintesi quotidiana dei principali eventi accaduti sui mercati finanziari redatta dall’Ufficio Ricerca ed Analisi di Banca Finnat.

Borse Mondiali

Usa

Seduta nuovamente negativa per il settore dei digital payments con American Express (-2,91%) e Mastercard (-4,04%); in controtendenza PayPal (+0,33%). In denaro Abbott (+5,56%). Johnson & Johnson ha guadagnato l’1,36%.

Italia

Seduta positiva per il comparto bancario con UniCredit (+0,66%), Banca Generali (+1,24%), Banco Bpm (+0,68%), Ubi Banca (+2,99%), Banca Mediolanum (+1,20%) ed Intesa Sanpaolo (+0,88%); in controtendenza Mediobanca (-1,07%).

Assicurazioni Generali hanno ceduto l’1,67% ed il titolo si è portato ad euro 12,39.

In calo il settore del lusso con Moncler (-1,08%), Ferragamo (-1,41%) e Tod’s (-1,21%).

FCA e Ferrari hanno guadagnato, rispettivamente, lo 0,40% ed il 3,89% mentre hanno chiuso in territorio negativo CNH Industrial (-2,09%) ed Exor (-0,17%).

Eni ha perso l’1,49% mentre Saipem è cresciuta dello 0,32%.

In crescita il settore delle utilities con Enel (+0,68%), Italgas (+0,90%), A2A (+1,32%) e Terna (+0,18%); in controtendenza Snam (-0,21%).

Telecom Italia ha registrato una flessione dell’1,25% ed il titolo ha chiuso ad euro 0,349.

Seduta contrastata per il settore industriale con Buzzi Unicem (-2,76%), Brembo (+0,85%), Leonardo (-0,87%) e Fincantieri (+1,48%).

Gran Bretagna

In forte denaro GlaxoSmithKline (+5,34%). Bat ha guadagnato l’1,23%. In crescita Tesco (+1,38%). Seduta positiva anche per Diageo (+0,84%). In lettera Bp (-2,59%).

Germania

Seduta nuovamente negativa per BASF (-0,90%), Adidas (-1,21%) e Lufthansa (-1,45%). In crescita il settore automotive con Daimler (+0,25%), Volkswagen (+0,81%) e Bmw (+1,53%).

Francia

Chiusure positive per Kering (+0,47%) e Lvmh (+0,23%). Ben comprata Capgemini (+2,93%) mentre hanno registrato un calo Axa (-1,41%) e Bnp Paribas (-3,56%). In denaro Sanofi (+2,44%).

Economia

Germania/1: l’indice dei prezzi al consumo (m/m), nella lettura finale di marzo, è cresciuto, in linea con le attese, dello 0,10% dal pari precedente incremento. Su base annua, i prezzi sono cresciuti dell’1,4% confermando le attese e la rilevazione preliminare.

Eurozona: la produzione industriale (m/m), in febbraio, è scesa, in linea con le attese, dello 0,10% dal precedente incremento del 2,3%. Su base annua, la produzione industriale è scesa (confermando le attese) dell’1,9% dal precedente decremento dell’1,7%.

Usa/1: i permessi per nuove costruzioni, nella lettura preliminare di marzo, sono scesi a 1,353 mila unità dalle precedenti 1,452 mila unità. Il consensus stimava un dato pari a 1,300 mila unità.

Usa/2: i nuovi cantieri edili (m/m), in marzo, hanno registrato un calo del 22,3% dal precedente decremento del 3,4%. Gli analisti stimavano un calo del 17,5%.

Usa/3: le richieste di sussidi di disoccupazione, nella settimana dell’11 aprile, sono risultati pari a 5,245 mila unità dalle precedenti 6,615 mila unità. Il consensus stimava un dato pari a 5,803 mila unità.

Usa/4: l’indice della Fed di Philadelphia, in aprile, è sceso a -56,6 punti dai precedenti -12,7 punti. Gli analisti stimavano un dato pari a -30 punti.

News societarie

Guala Closures: Investindustrial, tramite la sua società d’investimento “Special Packaging Solutions Investments”, ha annunciato il lancio di un'offerta pubblica di acquisto (OPA) volontaria parziale, al prezzo di €6 per azione ordinaria, finalizzata ad acquisire fino al 20% dei diritti di voto di Guala Closures, società specializzata nella produzione di chiusure in alluminio per bevande.

Triboo: ha siglato un accordo quadro con Confindustria per la fornitura, alle 150.000 aziende associate, di mascherine chirurgiche.