La sintesi quotidiana dei principali eventi accaduti sui mercati finanziari redatta dall’Ufficio Ricerca ed Analisi di Banca Finnat.

Borse Mondiali

Usa

In denaro il settore digital con Intel (+6,64%), Facebook (+6,72%), Ebay (+1,70%), Microsoft (+3,40%) e Booking (+0,95%). In controtendenza Netflix (-2,86%). In forte crescita Tesla (+6,61%).

Italia

Seduta positiva per il comparto bancario con UniCredit (+1,94%), Banca Generali (+1,49%), Ubi Banca (+3,21%), Banca Mediolanum (+3,66%) ed Intesa Sanpaolo (+1,38%). In controtendenza Banco Bpm (-0,19%) e Mediobanca (-1,31%).

Assicurazioni Generali sono salite dell’1,64% ed il titolo si è portato ad euro 12,365.

Tod’s ha guadagnato lo 0,29% mentre hanno registrato un calo Moncler (-1,50%) e Ferragamo (-3,86%).

Chiusure positive per FCA (+2,14%), Ferrari (+1,89%) ed Exor (+2,02%) mentre CNH Industrial ha perso lo 0,78%.

In denaro Eni (+4,87%) e Saipem (+5,75%).

Enel ha ceduto lo 0,33% mentre hanno registrato incrementi Italgas (+5,13%), Snam (+2,37%), A2A (+0,49%) e Terna (+2,16%).

Telecom Italia ha perso lo 0,45% ed il titolo ha chiuso ad euro 0,3354.

Ben comprate Buzzi Unicem (+4,46%), Brembo (+0,80%) e Fincantieri (+2,14%); in controtendenza Leonardo (-3,87%).

Gran Bretagna

GlaxoSmithKline ha guadagnato l’1,07%. Seduta positiva per Bat (+0,77%). In forte denaro Bp (+6,00%). Buoni progressi per Tesco (+2,83%), Diageo (+3,00%) e Compass (+3,99%).

Germania

Seduta ancora negativa per Lufthansa (-1,75%). Adidas ha ceduto il 2,08%. Il settore automotive ha registrato incrementi con Daimler (+1,53%), Volkswagen (+1,96%) e Bmw (+0,94%).

Francia

In crescita Axa (+0,35%), Bnp Paribas (+3,51%) e Capgemini (+1,75%). Sono prevalsi gli acquisti su Carrefour (+1,25%). Danone ha ceduto lo 0,70%. Poco mossa Sanofi (+0,08%).

Economia

Gran Bretagna/1: l’indice “core” dei prezzi al consumo (a/a), in marzo, è cresciuto, in linea con le attese, dell’1.6% dal precedente incremento dell’1,7%.

Gran Bretagna/2: l’indice armonizzato dei prezzi al consumo (m/m), in marzo, non ha registrato variazioni rispetto al precedente incremento dello 0,40%. Su base annua, i prezzi sono cresciuti dell’1,5% dal precedente incremento dell’1,7%. Il consensus stimava un progresso dello 0,10% su base mensile e dell’1,5% su base annua.

Eurozona: l’indice sulla fiducia dei consumatori, in aprile, è sceso a -22,7 punti dai precedenti -11,6 punti. Il consensus stimava un dato pari a -20 punti.

Le Small Cap sotto “coverage” Finnat

LVenture Group: il CdA ha approvato i risultati al 31/12/2019. I ricavi sono cresciuti del 22% passando dai €3,4 milioni al 31/12/2018 ai €4,2 milioni a fine dicembre 2019. L’EBITDA è risultato negativo per €0,89 milioni (pressoché in linea con il dato 2018) mentre l’EBIT, grazie anche alle rivalutazioni di portafoglio, è risultato positivo e pari a €0,82 milioni (€0,53 milioni al 31/12/2018). Il risultato netto è salito a €0,5 milioni, crescendo del 26% rispetto ai €0,4 milioni del periodo di confronto. Dal punto di vista patrimoniale, la Società ha mostrato una posizione finanziaria netta positiva pari a €0,15 milioni (rispetto ad un indebitamento di -€0,81 milioni a fine 2018). Nel corso del 2019, inoltre, LVenture ha definito operazioni di investimento pari a €3,3 milioni (+15,6% rispetto al 2018) mentre gli investimenti complessivi in startup hanno raggiunto i €16,4 milioni. A fine dicembre 2019 il portafoglio societario era costituito da 71 partecipazioni in startup e 2 investimenti in acceleratori.

Altre società

Netflix: ha annunciato l'emissione di un debito obbligazionario per un controvalore di 1 miliardo suddiviso in dollari ed euro. Le obbligazioni senior non garantite saranno offerte alla platea degli investitori istituzionali. Il tasso di interesse e la data di scadenza saranno determinati dall'esito delle trattative con gli acquirenti. Netflix ha intenzione di utilizzare i proventi dell'emissione da un lato per perseguire i propri obiettivi societari come l'acquisizione, la produzione e lo sviluppo di nuovi contenuti, dall’altro per finanziare le spese in conto capitale e del capitale di esercizio.