Ciò comportava che nell'ipotesi in cui si verificava una contrazione del reddito i requisiti per l'ISEE diventavano abbastanza stringenti. Con il Decreto Crescita questa situazione non si presenta in quanto i due eventi sono alternativi, migliorando in tal modo la situazione per i soggetti richiedenti. Tutto ciò comporta quindi che possono richiedere l'ISEE anche quei nuclei familiari in cui:

  • uno dei componenti il reddito perde il proprio impiego
  • non si verifica una variazione del reddito in misura superiore al 25%

Un’ulteriore opzione a favore dei cittadini

Sempre per quanto riguarda l'ISEE, il Decreto Crescita ha previsto anche la doppia opzione di calcolo che si può utilizzare nel caso risulti più conveniente per il cittadino.

Infatti, poiché le recenti introduzioni stabiliscono che ai fini della determinazione dell'indicatore devono essere presi in considerazione redditi e patrimonio dei due anni precedenti, la richiesta potrà essere riferiti a reddito e patrimonio del primo anno se dal calcolo risulterà una maggiore convenienza per i cittadini.

Tutto ciò comporta che molti dei problemi lamentati dalle persone in fase di determinazione dell'ISEE possano essere superati.