Vola Wall Street, una valanga di acquisti inonda la Borsa americana, l’euforia contagia i mercati e gli investitori comprano di tutto.

Ed ecco che anche le Borse del Vecchio Continente nell’ultima parte di seduta tornano a salire, non ce l’ha fatta a tornare in territorio positivo la City di Londra (-0,1%), mentre Francoforte (+0,2%) e soprattutto Parigi (+0,6%) ne approfittano per concludere la settimana facendo anora un passo avanti.

Sale anche Piazza Affari, il nostro Ftse Mib (+0,36%) ha avuto un protagonista assoluto in Moncler (+11,33%) la società del famoso piumino ha comunicato una trimestrale che, inutile dirlo, è piaciuta al mercato. I ricavi in particolare hanno sorpreso positivamente arrivando a sfiorare il miliardo di euro (+14% rispetto allo scorso anno).

Giornata decisamente brillante anche per il comparto industriale, dietro l’irraggiungibile Moncler, infatti, troviamo Pirelli (+2,49%), Leonardo (+2,28%), Prysmian (+2,14%) e Cnh Industrial (+1,94%).

Beneficia dell’exploit di Moncler anche l’atro titolo del lusso, Salvatore Ferragamo (+1,90%) che perlomeno recupera quota 16 euro.

Terzo rimbalzo di fila per Campari (+1,87%) e conclude sul massimo di giornata Saipem (+1,39%) che precede Tenaris (+0,97%).

A seguire il migliore dei titoli bancari che oggi è Ubi Banca (+0,87%) in una giornata contrastata per il comparto. Salgono anche Recordati (+0,82%) e Stmicroelectronics (+0,80%) che consolida così il secondo posto nella classifica del 2019 (+67,2%) approfittando anche dello scivolone di Poste Italiane (-1,18%) maglia nera di giornata.