In una giornata in cui gli acquisti stanno avendo la meglio a Piazza Affari, tra le blue chips stona Moncler che scivola nell'ultima posizione del paniere di riferimento.

Il titolo, dopo aver guadagnato ieri oltre due punti e mezzo percentuali, riprendendosi da due sessioni consecutive in calo, oggi vive una seduta speculare.

Moncler sotto pressione dopo il rialzo della vigilia

Moncler infatti negli ultimi minuti viene fotografato a 38,66 euro, con un ribasso del 2,69%, alimentato da volumi di scambio vivaci, visto che fino ad ora sono transitate sul mercato oltre 2,2 milioni di azioni, quasi il doppio della media degli ultimi 30 giorni pari a circa 1,2 milioni di pezzi.

Il titolo perde terreno dopo la diffusione dei conti del 2019 che hanno confermato una certa robustezza, ma ad intimorire mercato e investitori è incognita coronavirus.

Moncler: in crescita i principali indicatori nel 2019

Nel dettaglio Moncler chiuso lo scorso esercizio con un utile netto in rialzo del 9% a 361,5 milioni di euro, mentre i ricavi consolidati sono saliti del 13% a tassi di cambio costanti a 1,628 miliardi di euro.
L'Ebitda adjusted è cresciuto da 500,2 a 574,8 milioni di euro e l'Ebitda da 414,1 a 475,4 milioni.

La cassa netta è cresciuta da 450,1 a 662,6 milioni di euro e, includendo gli effetti Ifrs 16, la posizione finanziaria netta è positiva e pari a 23,4 milioni.

Sulla base dei risultati conseguiti nel 2019 il Cda di Moncler ha deciso di proporre la distribuzione di un dividendo di 0,55 euro per azione.

Sei affascinato dai mercati finanziari e vorresti diventare un bravo trader?