Netflix corre nell'after-hours a Wall Street in scia alla pubblicazione dei conti trimestrali, chiusi con profitti e crescita degli abbonati nei mercati internazionali migliori delle attese.

Netflix, conti secondo trimestre: i risultati

Il titolo balza di oltre l'8% nelle contrattazioni serali, a 310,88 dollari, dopo che il colosso dello streaming ha comunicato di aver archiviato il terzo trimestre con utile di 1,47 dollari per azione, ossia ben sopra le stime di consenso, su ricavi pari a 5,24 miliardi di dollari e leggermente inferiori ai pronostici: gli analisti di mercato si aspettavano, stando ai dati di Refinitiv, un utile per azione di 1,04 dollari su ricavi pari a 5,25 miliardi di dollari. 

Netflix trimestrale: le attese del mercato

Per quanto riguarda i dati sugli abbonati, Netflix ha archiviato il trimestre con 517mila nuove sottoscrizioni nel mercato domestico, mentre i nuovi abbonati nei mercati internazionali sono stati pari a 6,26 milioni: il consenso FactSet indicava un incremento delle sottoscrizioni nel mercato USA pari a 802.000 unità e di 6,05 milioni sui mercati internazionali. 

Netflix sorvegliato speciale dopo conti deboli del secondo trimestre

Tra gli osservatori di mercato c'era grande attesa proprio per il dato degli abbonati dopo i risultati deludenti del secondo trimestre, uno dei fattori alla base di uno scivolamento di circa il 20% del titolo negli ultimi tre mesi.

Allora, la società di Reed Hastings aveva imputato il pessimo score (2,3 milioni di nuovi abbonati meno delle attese) a una programmazione debole, annunciando pero di aspettarsi che il terzo trimestre avrebbe beneficiato del debutto della terza stagione di “Stranger Things”. Una previsione confermata dai numeri di oggi.