A Piazza Affari c'è una blue chips, assurta peraltro a questo rango da circa sei mesi, che continua a far parlare di sè, calamitando un crescente interesse da parte del mercato.

Nexi su nuovi massimi di sempre a meno di un anno dall'IPO

Ci stiamo riferendo a Nexi che non più tardi di ieri ha vissuto una splendida seduta, mettendo a segno un rally del 4,04% a 13,19 euro, dopo aver aggiornato nel corso della giornata i suoi massimi storici a 13,238 euro.

Il titolo, che celebrerà il prossimo 16 aprile un anno dal suo sbarco a Piazza Affari, già due mesi dopo la sua quotazione è entrato a far parte del Ftse Mib, prendendo il posto di Banca Generali lo scorso 24 giugno.

L'esordio in Borsa non è avvenuto nel migliore dei modi per Nexi che solo dopo oltre un mese dal debutto a Piazza Affari è riuscito a riportarsi sopra il prezzo del collocamento fissato a 9 euro.

Da allora la crescita del titolo è stata decisamente corposa, se si pensa che ad oggi è pari ad un progresso di circa il 46%, con una evidente sovraperformance rispetto al Ftse Mib.

Una tendenza quest'ultima che si conferma anche da inizio 2020, visto in questo primo scorcio dell'anno Nexi ha guadagnato circa il 6,5%, contro un rialzo di poco più del 2% dell'indice di riferimento.

Nexi: nuovi rumor sulle mosse di Sia e su potenziale deal

A scaldare le quotazioni del titolo non più tardi di ieri sono state le indiscrezioni di stampa relative ad unna possibile fusione di Nexi con Sia.

Un'ipotesi che ormai si rincorre da tanto tempo sul mercato, se si pensa che già il giorno della quotazione, il 16 aprile 2019, l'AD del gruppo si era premurato di precisare che sul tavolo non c'era nulla con Sia.