A Piazza Affari quest'oggi i riflettori sono stati puntati su Nexi che sin dalle prime battute si è imposto all'attenzione degli investitori.

Nexi tocca nuovi record storici e poi frena dai top

Dopo aver chiuso la sessione di venerdì scorso con un ribasso di oltre il 3% dopo tre quattro giornate consecutive in rialzo, Nexi oggi ha avviato gli scambi in rally.

Nell'intraday il titolo ha toccato un nuovo massimo storico a 18,19 euro, salvo poi ripiegare e fermarsi in chiusura a 17,415 uro, con un rialzo del 3,14% e oltre 9 milioni di azioni trattate, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 1,6 milioni di pezzi.

Nexi: firmato accordo per fusione con Sia. I dettagli

Nexi oggi ha catalizzato gli scambi dopo che il gruppo e SIA hanno firmato un memorandum of understanding per la combinazione delle società.

Quest'ultima sarà realizzata con una operazione finanziata con un aumento di capitale di Nexi riservato agli azionisti SIA, sulla base di un concambio di 1,5761 azioni Nexi per ogni azione SIA che valuta quest'ultima un equity value di 4,6 miliardi di euro, a multipli pre-sinergie simili a quelli di Nexi.

I soci SIA avranno il 30% della newco con Cassa Depositi e Prestiti al 25%, mentre i soci Nexi avranno il 70% della newco.

L'attuale AD di Nexi, Paolo Bertoluzzo, è confermato come CEO, con l’operazione che è attesa chiudersi, previo ottenimento delle relative autorizzazioni, entro l’estate 2021.

Gli analisti di Equita SIM ricordano che SIA, che nel 2019 ha riportato ricavi per 733 milioni di euro e un Ebitda adjusted di 278 milioni, ha tre linee di attività: card & merchant solutions (67% delle vendite), non card based digital payments solutions (21% delle vendite) e Capital Market & Network solutions (12% dei ricavi.

Nexi: Equita commenta la fusione con Sia

Secondo Equita SIM, strategicamente la fusione è positiva per Nexi in quanto ne rafforza il posizionamento competitivo e diversifica i clienti sia per tipo (Unicredit, il maggior cliente di SIA non lavora con Nexi) che per geografia (SIA ha 32% dei ricavi fuori dall’Italia).

Dal deal sono attese 150 milioni di euro di sinergie di cui 100 milioni da minori costi, 35 milioni da maggiori ricavi e 15 milioni da minori capex.

Gli analisti di Equita SIM stimano che l’operazione aumenti l’Eps adjusted 2022-2023 di Nexi dell'11%/14%.
Non cambia intanto la strategia suggerita per Nexi che secondo gli analisti merita un rating "hold", con un prezzo obiettivo alzato da 15 a 16,2 euro.

Nexi sotto la lente di vari broker

A puntare sul titolo è Jefferies che invita ad acquistare con un target price a 20 euro, dopo aver definito la fusione con Sia strategicamente importante per Nexi, segnalando che il deal può accelerare il consolidamento.

Bullish anche la view di Goldman Sachs che al pari di Jefferies ha un rating "buy" su Nexi, con un fair value a 19 euro.   

A detta della banca Usa le nozze con Sia potrebbero consentire un'ulteriore espansione internazionale della società combinata e potenzialmente permettere a Nexi di diventare un consolidatore nel più ampio mercato europeo dei pagamenti.

Infine, è bullish anche la view di Kepler Cheuvreux che caldeggia l'acquisto di Nexi, con un prezzo obiettivo a 18 euro.
Anche questo broker accogliere con favore il deal con Sia, spiegando che lo setsso potrebbe portare a sinergie maggiori di quelle previste in un primo momento.