Oro: dazi e tassi a zero alla base del rally

Proprio nell'ultimo mese, l'oro ha toccato un massimo di sei anni in scia alle attese che le banche centrali portino avanti nuove misure di accomodamento delle loro politiche per fronteggiare il rallentamento della crescita economica e i rischi legati allo scontro sui dazi; questa settimana, gli investitori si aspettano che la Bce comunichi un nuovo pacchetto di stimoli, mentre la prossima settimana la Fed taglierà con molte probabilità i tassi ancora una volta i tassi.

Oro: i rischi al ribasso

Al netto del suo scenario ottimista, Citi cita infine come rischi ribassisti per l'oro una svolta falco della Fed o sviluppi positivi dei negoziati commerciali, che non vengono però presi in considerazione nel caso base. “Un accordo commerciale a sorpresa insieme a un netto miglioramento dei dati manifatturieri globali suggerirebbe probabilmente un picco per l'oro a un livello di 1.550 dollari l'oncia per questo ciclo,” scrive la banca.