Nadège Dufossé, CFA, Head of Asset Allocation di Candriam, spiega che i mercati azionari sembrano essere decisamente in fase toro. Dall’inizio dell’anno, nulla sembra essere stato in grado di far deviare significativamente gli indici dalla loro tendenza al rialzo.

Le tensioni tra Iran e Stati Uniti all'inizio di gennaio hanno innescato un picco di volatilità, che è sceso rapidamente ai livelli più bassi di dicembre. Più recentemente, le dichiarazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità in merito allo scoppio del nuovo coronavirus in Cina hanno instillato nei mercati a fine gennaio un senso di paura, ormai quasi dimenticato. Il mercato statunitense (S&P 500) ha guadagnato più del 4% su base annua, raggiungendo il massimo storico martedì 11 febbraio 2020. Raramente il contrasto tra la forza del momentum positivo tra i principali indici azionari e l'allarmante flusso quotidiano di notizie è stato così netto. Quindi, è ottimismo o compiacimento?

Gli investitori azionari sembrano aver deciso di essere più ottimisti. Nadège Dufossé sa che il primo trimestre sarà fortemente influenzato dalle misure eccezionali messe in campo dalle autorità cinesi. Le regioni che rappresentano quasi il 50% del PIL cinese sono state oggetto delle misure di quarantena o delle limitazioni alla libera circolazione delle persone, mentre le chiusure di aziende e fabbriche sono state prolungate oltre il consueto periodo di vacanza per il Capodanno cinese. Alcuni settori sono stati particolarmente colpiti, con la Cina che rappresenta quasi il 30% della produzione manifatturiera mondiale, oltre il 20% dei consumi energetici, e poco più del 10% del consumo globale.