Dopo le forti polemiche hanno accompagnato i provvedimenti messi in campo a marzo, per il popolo delle partita Iva e dei lavoratori autonomi sono in arrivo importanti novità.

Partite Iva: Decreto aprile in ritardo. Lunedì discussione in CdM

Il Governo sta continuando a lavorare alacremente al Decreto aprile che avrebbe dovuto vedere la luce prima di Pasqua, ma di fatto così non è stato.

Ci sarà quindi uno slittamento di qualche giorno, ma prima di fine mese il decreto dovrebbe essere partorito.

La discussione è ancora aperta e in occasione del Consiglio dei Ministri di lunedì prossimo, 20 aprile, saranno esaminati per la prima i contenuti ancora oggetto di analisi e revisione.

Partite Iva: bonus aumenta del 50% ad aprile

Come detto prima sono attese novità di rilievo per le partite Iva, a partire dall'entità del bonus già riconosciuto per il mese di marzo.

Rispetto ai 600 euro previsti nel decreto Cura Italia, l'indennità registrerà un aumento del 50% salendo a 800 euro, come annunciato nei giorni scorsi dal vice ministo dell'economia, Antonio Misiani.

La conferma è arrivata poi dalla Ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo, da cui si è appreso che il "prossimo decreto di aprile sarà più consistente rispetto a quello di marzo, in modo tale da aumentare l'importo dell'indennità per autonomi e professionisti fino a 800 euro".

Partite Iva: rumor su possibili prestiti a fondo perduto

Da più parti si è fatto accenno anche a delle condizioni più restrittive per l'accesso al bonus dopo che il mese scorso è stato elargito a pioggia per mancanza di tempo nella definizione dei requisiti.

L'incremento del bonus però non è l'unica novità che dovrebbe contenere il decreto aprile, visto circolano indiscrezioni su altre forme di aiuto allo studio.

Come riportato da Repubblica, il Governo starebbe valutando delle iniezioni di liquidità per le piccole imprese e le partite, ma a fondo perduto, rispetto alle misure già approvate che prevedono dei prestiti, anche se a condizioni molto agevolate.

Partita Iva: in arrivo sconti su bollette luce, acqua e gas

Un'altra importante novità che potrebbe spuntare nel decreto aprile riguarda una possibile riduzione del prezzo delle bollette.

Dopo aver discusso questa misura già nella messa a punto del decreto Cura Italia, ora si potrebbe approdare finalmente ad una serie di sconti e aiuti per le bollette di luce, acqua e gas.

Come indicato da Repubblica, sarebbe l’autorità sull’energia ad operare tecnicamente per mettere in campo un taglio dei cosiddetti oneri di sistema che gravano sulla bolletta, nella misura del 20% sulla luce e del 4% sul gas.

In sostanza l'idea è di intervenire con una riduzione di quelle voci di spesa che non riguardano il consumo effettivo e i costi di trasporto delle risorse.

Partita Iva: affitti scontati anche per i professionisti

Un altro tema oggetto di discussione riguarda gli affitti, per i quali è previsto già un credito di imposta del 60%, riservato però a commercianti e artigiani.

L'idea è quello di estendere tale misura ai titolari di partita Iva, includendo anche i professionisti.

Stando a quanto riferisce Repubblica, per agevolare l'accesso allo sconto, si starebbe valutando la possibilità di far coincidere coloro che richiedono il prestito di 25mila euro garantito al 100% dallo Stato, con quanto hanno bisogno dell'aiuto sull'affitto.

In tal modo quest'ultimo potrà essere detratto direttamente dalla rata di restituzione del suddetto prestito da 25mila euro.