PayPal ha chiuso in rally del 5,50% mecoledì al Nasdaq, dopo che la società di Palo Alto ha annunciato il suo debutto nel mondo delle criptovalute. La migrazione verso i pagamenti digitali e le rappresentazioni digitali del valore, ha sottolineato PayPal, continua ad accelerare, guidata dall'epidemia di coronavirus e dal crescente interesse per le monete digitali da parte dei consumatori e di tutte le principali banche centrali (dalla Bce, alla Federal Reserve fino alla People's Bank of China). Queste le motivazioni dietro al lancio di un nuovo servizio, per ora solo in Usa, che consentirà ai clienti del gruppo californiano di acquistare, detenere e vendere criptovalute direttamente dai loro account di PayPal. Non solo. Entro l'inizio del 2021 il pioniere dei pagamenti online permetterà ai clienti di utilizzare le criptovalute per acquistare prodotti nel suo network di 26 milioni di retailer.

PayPal vuole traghettare le criptovalute nell'e-commerce

"Il passaggio verso forme digitali di valuta è inevitabile e porterà con sé chiari vantaggi in termini di inclusione finanziaria e accesso, efficienza, velocità e resilienza del sistema di pagamento. Oltre alla capacità per i governi di erogare rapidamente fondi ai cittadini", ha spiegato Dan Schulman, chief executive e president di PayPal. La sfida di PayPal non è di poco conto, visto che l'obiettivo è quello di traghettare le monete digitali fuori dal ristretto ambito speculativo, facendole sbarcare nell'e-commerce e nei pagamenti in genere. Come nota la Cnbc, il bitcoin e altre criptovalute si sono guadagnate una cattiva reputazione per le oscillazioni di prezzo apparentemente fuori controllo: celebre il balzo di quasi 20.000 dollari del bitcoin a fine 2017 (attualmente scambia intorno a 12.800 dollari, dopo essersi apprezzato di oltre il 70% nel 2020).

Passaggio storico per la normalizzazione delle monete digitali

PayPal non è la prima a tentare lo sdoganamento delle criptovalute. La rivale Square già da tre anni permette ad alcuni clienti di scambiare bitcoin attraverso la sua app e nel tempo ha ampliato il servizio. Il punto chiave è però un altro, come ha sottolineato Darrin Peller, analista di Wolfe Research, citato da MarketWatch. Per Peller, infatti, la mossa di PayPal "rappresenta uno dei passaggi più importanti per la normalizzazione delle criptovalute cui abbiamo assistito negli anni". "Supponendo che l'iniziativa venga implementata in modo efficace, riteniamo che le principali funzionalità di sicurezza di PayPal, la scala globale, l'enorme base di utenti e le relazioni commerciali combinate creeranno un'offerta altamente differenziata rispetto ad altri portafogli crittografici", ha aggiunto.

(Raffaele Rovati)