L'attuale formula sperimentale di pensionamento anticipato, con la cosiddetta quota 100, dovrebbe resistere fino alla naturale scadenza, ovverosia fino alla data del 31 dicembre del 2021. Dopodiché, per la pensione Inps anticipata, e per evitare il pieno ritorno alla legge Fornero, il Governo italiano, come peraltro riporta il sito notizieora.it, sarà chiamato, a partire dall'1 gennaio del 2022, a varare un provvedimento di riforma delle pensioni per quel che riguarda il capitolo della flessibilità in uscita.

Riforma delle pensioni, sarà inserita nella prossima Legge di Bilancio?

La riforma delle pensioni dovrebbe essere inserita nella prossima Legge di Bilancio dello Stato, e da un lato non dovrebbe toccare quota 100, come sopra accennato, e dall'altro dovrebbe rafforzare l'Ape sociale e l’opzione donna, introdurre ulteriori forme di flessibilità in uscita, e andare ad aumentare la platea dei potenziali beneficiari della quattordicesima.

Tutti i piani del Governo italiano per andare dal 2022 oltre la quota 100

Questi, in sintesi, sono i piani del Governo ed in particolare del Ministero del Lavoro che già da tempo è a stretto contatto e dialogo con i Sindacati in modo tale che, terminata la sperimentazione di quota 100, in Italia ci sia un quadro legislativo al passo con i tempi che tenga conto delle esigenze dei lavoratori compatibilmente con la sostenibilità delle finanze pubbliche.

Il Governo italiano studia una Fornero bis? Bisognerà lavorare più a lungo?

La stampa italiana, pur tuttavia, teme che il Governo Italiano dal 2022 faccia scattare una nuova Fornero, ovverosia una legge di riforma sulle pensioni che, ancora più dura, costringerà tutti a lavorare più a lungo in accordo con quanto è stato riportato dal sito secoloditalia.it.