Se la pensione è bassa, ma veramente bassa, è possibile ricorrere a tutta una serie di bonus e di agevolazioni messe in campo per le famiglie a reddito minimo che quindi inglobano anche le persone anziane. Per chi fa parte della categoria senior e gode di una pensione discreta invece ci sono parecchie altre opportunità da cogliere per risparmiare qualcosa con uno sconto interessante e a volte per avere dei servizi gratuiti. Dalla cultura, alle vacanze, alla palestra fino alla spesa quotidiana sono parecchie le aziende che offrono a chi ha i capelli grigi la possibilità di spendere meno. 

La tendenza degli ultimi Governi è quella di sostituire le agevolazioni date per età con benefici corrisposti solo sulla base del reddito. Gli anziani però per le aziende private costituiscono una grossa risorsa. Sono fisicamente più giovani e attivi di un tempo, sono desiderosi di fare esperienze e ben disposti a spendere anche per attività considerate in passato come superflue. Molte sono le aziende che si rivolgono a questa categoria di consumatori con pacchetti fatti su misura, o con uno sconto che in definitiva ha lo scopo di attrarre acquirenti con disponibilità economiche maggiori di quelle dei giovani. 

Altra categoria di sconto è quello praticato dalle regioni o dagli enti pubblici locali che per il momento continuano a considerare gli ultrasessantenni come una categoria da proteggere e sostenere. Bisogna solo avere la pazienza di informarsi e di tenersi aggiornati e alla fine del mese ci sarà un bel risparmio, con magari qualche lusso che non si pensava di potersi permettere.

Sconto del 100% per il canone RAI

Chi ha compiuto i 75 anni può richiedere all’Agenzia delle Entrare di essere esonerato dal pagamento del canone Rai. Per averne diritto è necessario, avere un reddito che da solo o con quello dell’eventuale coniuge non superi gli 8.000 euro. È inoltre richiesto di non avere altri conviventi titolari di un reddito proprio, con esclusione di colf o badanti. L’agevolazione è prevista solo per il o i televisori che si trovano nella casa dove l’anziano abita stabilmente, non per gli apparecchi che si trovino in posti diversi da quello di residenza. La richiesta viene fatta semplicemente inviando all’Agenzia delle Entrate una dichiarazione sostitutiva dove si certifica di essere in possesso dei requisiti di età e di reddito richiesti.

Sconto sui treni

Trenitalia mette a disposizione di chi ha compiuto i 60 anni una Carta Argento. La carta ha un costo di 30 euro all’anno e à gratuita per chi ha compiuto i 75 anni. Dà diritto allo sconto del 10% sulle cuccette e sui treni letto. Lo sconto fino al 15% sui biglietti dei posti base sia in prima che in seconda classe e per i servizi Business, Premium e Standard. Sulle tratte internazionali con lo sconto Railplus il risparmio sale al 25%. La carta è nominale e può essere acquistata in qualsiasi stazione o agenzia convenzionata.

Per quanto riguarda i trasporti pubblici urbani ogni città ha le proprie regole: chi applica uno sconto e chi permette ai più anziani di viaggiare gratis. Vale la pena rivolgersi all’ente che gestisce il servizio e farsi dare tutte le indicazioni del caso.

A livello locale sono previsti altri tipi di sconti. Per esempio Trenord presentando solo un documento di identità fa uno sconto immediato del 20% sulla tariffa integrata della Regione Lombardia alle donne che abbiano almeno 60 anni e agli uomini che ne abbiano compiuti65. Con Cotral in Lazio gli ultrasettantenni possono viaggiare gratis anche sui treni all’interno della regione semplicemente richiedendo una tessera gratuita da presentare a controllori.

Sconto sui farmaci

La legge prevede che alcune prestazioni sanitarie: esami, o visite specialistiche non debbano essere pagate dai senior. Stessa regola per parecchi medicinali se acquistati dietro richiesta medica. Per avere diritto all’esenzione bisogna aver compiuto i 65 anni e avere un reddito complessivo del nucleo familiare che non superi i 36.151,98 euro l’anno. Hanno lo stesso beneficio i sessantenni nel caso abbiano un reddito non superiore a 8.253,31 se da soli, e non superiore a 11.362,05 se con un coniuge a carico. La soglia minima è innalzata di 516,46 euro per ogni figlio a carico. La richiesta va fatta rivolgendosi alla propria Asl di appartenenza dove devono essere tempestivamente comunicate anche le variazioni di reddito che fanno venir meno il diritto all’esenzione.

Sconto alle poste

Si tratta di un risparmio minimo, ma merita di essere citato anche lo sconto applicato da tutti gli uffici postali. Chi abbia computo 70anni  ha diritto a pagare 0,70 euro invece di 1,30 su ogni bollettino postale pagato. Lo sconto è fatto solo se si tratta di bollette intestato all’anziano e previa presentazione della carta di identità. Il pagamento può essere delegato anche ai familiari purché mostrino il documento che attesti i requisiti di età.

Sconto sulle telefonate

La normativa voluta dal Garante per le Telecomunicazioni che prevedeva il solo requisito dei 75 anni per avere diritto a tariffe telefoniche agevolate sul telefono fisso è stata sostituita da requisiti d reddito che hanno da un lato allargato la platea dei beneficiari e dell’altra hanno penalizzato molti senior. Lo sconto non è più applicato a chi abbia un reddito ISEE superiore a 8.122,23 euro. Per chi si trovi in quella fascia di reddito l’offerta è valida solo se decida di stipulare un contratto VOCE con TIM con cui il garante ha stipulato un accordo e prevede lo sconto del 50% sul fisso mensile e 30 minuti di chiamate gratuite verso fissi o telefonia mobile ogni mese.

Tutte le compagnie di telefonia mobile, però, adesso propongono tariffe pensate per i senior anche se di solito valgono solo per la telefonia mobile. Si tratta di pacchetti pensati su misura per le esigenze delle persone più adulte con uno sconto interessante. Per esempio Wind3 a chi ha compiuto 60 offre telefonate illimitate oltre 6 giga e SMS a soli 9,99 euro. Vodafone offre a 12.99 euro minuti e SMS illimitati, 4 Giga e nessun limite sui principali social. Inoltre la tariffa comprende il blocco sui giochi e altri servizi a pagamento, così da evitare cattive sorprese.

Vacanze con lo sconto

Il settore che strizza più l’occhio ai senior è quello delle crociere. Tutte le compagnie predispongono dei pacchetti appositamente per gli over 65. MSC crociere per esempio prevede uno sconto che può arrivare fino al 20% a seconda del pacchetto richiesto.

Anche grosse catene di hotel con alberghi in tutta Europa offrono lo sconto per gli anziani. Best Western prevede una tariffa senior per chi ha più di 65 anni con uno sconto del 10%. Per chi ama il mare Adria.Net l'associazione albergatori di Rimini si rivolge alle “volpi d’argento” proponendo a chi ha spento le 65 candeline soggiorni con pacchetti dedicati e tariffe vantaggiose. Pacchetti anche per nonno e nipote con lo sconto del 15%.

Sconto su cultura e arte

Fino a qualche anno fa per chi aveva superato i 65 anni l’accesso a tutti i musei statali era gratuito. Questo beneficio è stato revocato. Rimane però sempre la possibilità di accedere in modo del tutto gratuito agli stessi musei, parchi archeologici e mostre la prima domenica di ogni mese. Forse sarà un po’ affollato, ma con l’accortezza di prenotare il problema è aggirato.

Permangono gli ingressi gratuiti, o col pagamento di un biglietto con un forte sconto in quasi tutti i musei comunali, o alle mostre temporanee. Basta avere l’accortezza di presentarsi alla cassa con un documento di identità e di chiedere. Anche a livello europeo la maggior parte dei musei consentono l’accesso gratuito degli over 65.

Riempire il carrello e pagare con lo sconto

Molte catene della grande distribuzione praticano degli sconti dedicati ai senior. Alcune per esempio un giorno alla settimana praticano uno sconto su tutta la spesa del 10%. Altri mettono in campo offerte valide anche tutti i giorni. L’unico requisito richiesto è quello di presentare alla cassa un documento di identità e a volte la tessera fedeltà che ogni negozio rilascia gratuitamente.