I provvedimenti dei precedenti Governi, con le misure di blocco totale o parziale delle rivalutazioni degli assegni mensili, rischiano di impoverire ancora di più in Italia i pensionati. A lanciare l'allarme in merito, riporta IlGiornale.it, è stata la Cisl con un rapporto da cui è emerso come nei prossimi tre anni i pensionati potrebbero subire forti riduzioni sugli assegni mensili in quanto non pienamente ancorati all'erosione del potere d'acquisto causata dall'inflazione.

Pensioni medie e alte quelle penalizzate con la legge di Bilancio del 2019

Citando l'ultima legge di Bilancio, quella varata dal Governo gialloverde, ovverosia dal primo Esecutivo a guida Giuseppe Conte, il Sindacato ha posto l'accento sul fatto che le penalizzazioni sulle rivalutazioni degli assegni vanno a colpire in maniera significativa le pensioni medie e alte, ovverosia quelle con importo superiore a tre volte la prestazione previdenziale minima ai fini Inps.