L'episodio si verifica meno di una settimana dopo il caso Grace 1, la petroliera iraniana sequestrata dalle autorità di Gibilterra per presunte violazioni dell'embargo dell'UE contro Teheran.

Il presidente iraniano Hassan Rouhani aveva avvertito che ci sarebbero state "conseguenze" dopo il blocco di una sua petroliera a Gibilterra (territorio britannico d'oltremare) da parte del Regno Unito su richiesta di Washington. Il sequestro della nave Grace 1 che trasportava greggio iraniano diretto in Siria (avvenuto per presunta violazione dell'embargo dell'Unione europea), e' stato definito "illegale" da Teheran.

Petrolio: interruzioni di produzione nel golfo del Messico

Spingono  l'Oil anche le conseguenze di una tempesta tropicale che ha colpito il centro-nord del golfo del Messico, Messico, e che secondo il National Hurricane Center potrebbe trasformarsi in uragano. Quindici piattaforme sono state evacuate nella regione. 

Secondo il Bureau of Safety and Environmental Enforcement, ieri hanno subito interruzioni precauzionali in totale il 32% della produzione di greggio e il 18% della produzione di gas naturale.

Petrolio: calano gli stock USA

Intanto ieri l'Energy Information Administration americana ha comunicato il quarto declino settimanale consecutivo delle scorte USA.

Secondo l'agenzia, per la settimana terminata il 5 luglio gli stock sono calati di 9,5 milioni di barili, contro aspettative posizionate per un calo di 3,1 milioni di barili.

Gli stock di benzina sono calati di 1,5 milioni di barili, mentre i distillati sono saliti di 3,7 milioni di barili: i dati di IHS Markit anticipavano rispettivamente un calo di 400 mila barili e un aumento di 1,5 miliioni.