Buon rialzo quest'oggi per le quotazioni del petrolio (al momento, WTI +1,35% a 55,67 dollari al barile, Brent a 60,43 dollari, +1,55%), sostenute nel corso della giornata dalla conferma di un netto calo settimanale delle scorte USA - anticipato già ieri nel consueto report dell'American Petroleum Institute - che ha mitigato i timori sull'indebolimento della domanda di greggio causato dalla guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina.

Petrolio in rally con crollo scorte USA

Rispettando quasi del tutto le stime preliminari fornite dall'associazione di categoria, l'Energy Information Agency statunitense ha indicato nel pomeriggio, per la settimana terminata il 23 agosto, una contrazione degli stock di greggio USA di ben 10,03 milioni di barili, che si confrontano con la previsione di un calo di solo 2,11 milioni di barili fornita dagli analisti.

Petrolio: calano anche stock benzina e distillati

Sono scese inoltre più del previsto le riserve di benzine e distillati, calate rispettivamente di 2,7 milioni e di 2,06 milioni di barili: nel primo caso i pronostici erano per una riduzione di 0,39 milioni, mentre nel secondo era atteso un aumento di 0,92 milioni di barili.

Petrolio ancora circa il 20% sotto i massimi di aprile

Nonostante i guadagni delle ultime ore, i prezzi del barile viaggiano comunque ancora circa il 20% sotto i massimi toccati ad aprile, zavorrati in parte dalla preoccupazione per l'impatto dello scontro commerciale USA-Cina sull'economia globale e a cascata sui consumi di petrolio.

Petrolio: Morgan Stanley taglia le stime per il resto dell'anno