L'accordo commerciale tra Unione europea e Regno Unito, per quanto riguarda la Brexit,  e la firma di Trump, sia sul nuovo pacchetto di stimoli fiscali da oltre 900 mld di dollari che sul rifinanziamento del budget federale, impattano positivamente sui principali mercati azionari dell'area euro che aprono la nuova ottava all'insegna degli acquisti e con il focus che rimane sempre rivolto alla diffusione del Covid19 dopo la scoperta di una nuova variante nel Regno Unito.

Tra le valute torna a rafforzarsi la moneta unica europea che nei confronti del biglietto verde si porta in area 1.223 con prossimi target il test delle forti resistenze posizionate nei pressi degli 1.227 il cui superamento aprirebbe la strada per i massimi degli ultimi anni sulla soglia degli 1.25.

L'analisi del Ftse Mib

Per quanto riguarda il nostro indice principale prosegue il recupero che si era innescato durante la scorsa settimana con le quotazoni che, dopo essersi confermate sopra la trendline che partiva dai massimi di novembre 2020, sembrano aver voglia di spingersi in direzione dei top degli ultimi mesi posizionati in area 22400 punti.

I Titoli da monitorare

Tra i titoli attenzione a quelli che potrebbero sfruttare l'effetto Brexit come TECHNOGYM che con il superamento dei 9.4 euro si aprirebbe le porte per allunghi in direzione dei 10 euro e FALCK che con la 9^ seduta consecutiva positiva è diretta al test dei top del 2020 in area 6.3 euro

Vuoi abbonarti ai nostri Portafogli Azionari? Clicca qui

Buon trading